skip to Main Content

Come sarà il lockdown per i non vaccinati in Austria

Germania Austria Mega Lockdown Covid

Entrerà presto in vigore il lockdown per non vaccinati: potranno uscire di casa solo per il lavoro, per acquisti di prima necessità e per brevi passeggiate all’aria aperta

Già lunedì prossimo l’Austria sarà, con ogni probabilità, il primo Paese al mondo a testare il lockdown duro per i non vaccinati. Lo ha annunciato il cancelliere Alexander Schallenberg. L’atto ufficiale verrà diramato tra sabato e domenica, per questo non è chiaro se il lockdown entrerà effettivamente in vigore già lunedì, come a Salisburgo e Alta Austria.

COME FUNZIONA IL LOCKDOWN PER I NON VACCINATI DELL’AUSTRIA?

I non vaccinati potranno uscire di casa solo per il lavoro, per acquisti di prima necessità e per “fare due passi”, come ha spiegato Schallenberg. Ci saranno controlli a campione. Per il resto il cancelliere si è appellato al buon senso dei suoi connazionali: “Non viviamo in uno Stato di polizia, non possiamo e vogliamo controllare a ogni angolo di strada”, ha commentato. Tra le nuove restrizioni, è previsto anche l’obbligo vaccinale per i sanitari.

NUOVE RESTRIZIONI ANCHE IN GERMANIA?

Nuove restrizioni potrebbero essere previste molto presto anche in Germania: a richederle è il Robert Koch Institute (Rki), l’Istituto incaricato di monitorare l’andamento della pandemia nel Paese, dopo avere registrato un record di incidenza di infezioni da Sars-CoV-2 pari a 236,7 casi ogni 100mila. Gli esperti Rki chiedono che vengano “cancellati o vietati i grandi eventi dove possibile”. E che siano “ridotti tutti gli altri contatti non essenziali”.

L’ALLARME DELL’ECDC

La situazione pandemica nel Vecchio continente è considerata “molto preoccupante” in dieci Paesi e “preoccupante” in altri dieci, secondo gli ultimi dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Tra i 27, Belgio, Polonia, Paesi Bassi, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria e Slovenia sono nella categoria più preoccupante, secondo l’ultima valutazione del rischio del centro basato a Stoccolma.

Leggi anche: Covid, le tre regioni italiane in rosso per l’ECDC

Nella sua valutazione, l’Ecdc indica che altri 13 Paesi (Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Islanda, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Romania e Slovacchia) devono far fronte a una situazione di “forte preoccupazione”.

Secondo l’Oms, il numero di nuovi casi in Europa è aumentato del 7% la scorsa settimana mentre il numero di morti è salito del 10%. L’Africa è stata l’unica altra regione a segnalare un aumento di nuovi positivi. È stata la sesta settimana consecutiva che il virus è aumentato in tutto il continente.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore