ccc Italia

Il futuro di Berlusconi

I Graffi di Damato sui travagli attuali del leader di Forza Italia e sulle sue prossime mosse

Matteo Renzi non sarà suo “figlio politico”, come ha precisato Silvio Berlusconi in un’intervista al Corriere della Sera mentre Marco Travaglio ancora rimproverava al senatore di Scandicci di essere andato a riverirlo ad Arcore, quando era sindaco di Firenze e l’altro presidente del Consiglio, baciandogli mani e pantofole pur ricavarne benefici a Palazzo Vecchio, dove il giovanotto regnava da sindaco.

CHI E’ RENZI

Renzi, sempre lui, sarà pure un “uomo di sinistra”, sempre secondo Berlusconi, per quanto ad essa inviso per avere seguito a Palazzo Chigi una politica “di destra” facendo entrare al Nazareno, dove disponeva dell’ufficio di segretario del Pd, “la mucca” evocata in televisione da Pier Luigi Bersani, decisosi alla fine ad uscirne perché quell’animale vi si era troppo insediato. Ancora, l’ormai ex piddino Renzi avrà pure permesso, con le sue improvvise aperture ai grillini, la formazione del governo “più di sinistra” nella storia del Paese, sempre secondo le valutazioni del Cavaliere. Che pure sino a qualche settimana fa collocava i pentastellati a destra, pericolosi quasi quanto i nazisti ai loro tempi in Germania.

RENZI PESCHERA’ VOTI DAL BACINO DI FORZA ITALIA?

Renzi, infine, potrà pure scordarsi di poter pescare voti in quel che resta del bacino elettorale “moderato” di Forza Italia, sempre secondo Berlusconi, nonostante le voci che corrono sui parlamentari forzisti attratti dall’”Italia Vera”, messa sul mercato politico dall’ex segretario del Pd. Ma due cose sono certe, anzi certissime.

QUELLA VOLTA CHE BERLUSCONI ANDO’ DA RENZI AL NAZARENO

La prima certezza è quella visita fatta da Berlusconi in persona a Renzi al Nazareno, negli ultimi giorni del governo di Enrico Letta, che aveva per un po’ vissuto anche della fiducia dell’allora senatore di Arcore, prima che perdesse il seggio perché condannato in via definitiva per frode fiscale. Fu una visita disinvolta, diciamo così, sia per l’invitante sia per l’invitato, che si accordarono su un percorso addirittura di riforme istituzionali. Poi, d’accordo, non se ne fece più nulla a causa dell’impuntatura di Renzi per mandare al Quirinale Sergio Mattarella, anziché Giuliano Amato, al posto dell’ormai sfinito Giorgio Napolitano, rieletto due anni prima. Ma quell’accordo sulla strada delle riforme era stato raggiunto da entrambi senza alcuna sofferenza, non pensando l’uno che l’altro fosse troppo di sinistra o, viceversa, troppo di destra, come a quei tempi Berlusconi veniva considerato, non avendo ancora provato quelli del Pd il centrodestra a trazione leghista destinato ad uscire dalle urne il 4 marzo dell’anno scorso, con tutto quello che poi ne derivò: un governo gialloverde consentito a Salvini anche da Berlusconi per evitare le elezioni anticipate.

E INTANTO FORZA ITALIA E’ IN STATO CONFUSIONALE

La seconda certezza è lo stato obiettivamente confusionale in cui si trova il partito di Berlusconi da un bel po’ di tempo, e che è ulteriormente cresciuto proprio con la decisione di Renzi di uscire dal Pd e di mettersi in proprio in uno spazio politico un po’ meno di sinistra, diciamo così, dove invece per comodità il Cavaliere vorrebbe inchiodarlo addebitandogli per intera la responsabilità del governo giallorosso. E ciò senza mai pronunciare una parola di smentita alle ricorrenti notizie su contatti, in entrata e in uscita, del suo fedele ex sottosegretario a Palazzo Chigi col presidente del Consiglio in carica, con l’occhio e le orecchie rivolte ai problemi che l’attuale governo potrebbe incontrare per l’azione dei renziani in Parlamento, soprattutto al Senato. Dove i numeri di qualsiasi maggioranza sono notoriamente ballerini, ragion per cui Renzi aveva previsto nella sua riforma di riservare la fiducia all’esecutivo solo alla Camera.

ORA IL CAVALIERE E’ IN MEZZO AL GUADO

“Forza Italia ha sempre votato, con qualsiasi governo, i provvedimenti che riteneva positivi per l’Italia e gli italiani”, si è vantato lo stesso Berlusconi nella sua intervista al Corriere della Sera, anche se ha aggiunto, quasi in un ossimoro politico, che “qualunque forma di sostegno verso questa maggioranza o verso questo esecutivo è e sarà del tutto impossibile”. Questo una volta si chiamava, con la lingua dello stesso Berlusconi, “il teatrino della politica”. Il Cavaliere se n’è forse impratichito troppo nei suoi 25 anni e più ormai di esperienza politica, appunto. E si trova spesso anche lui in mezzo al guado in cui tante volte si è compiaciuto di vedere o di avere messo gli altri.

Continua...

ccc Italia

Governo Conte bis, svolta nei rapporti con la Francia

L’approfondimento di Jean-Pier Darnis, consigliere scientifico e responsabile del programma Tecnologia e Relazioni internazionali dello Iai, per Affarinternazionali sulla visita del presidente della Francia Macron a Roma lo scorso 18 settembre

Continua...

ccc Italia

Chi è Alberto Bianchi, uomo di Renzi ed ex presidente di Open

Chi è Alberto Bianchi, l’ex presidente della fondazione che organizzava la Leopolda, indagato per traffico di influenze illecite

Continua...

ccc Italia

Il numero uno di Roma Servizi per la Mobilità si alza da solo lo stipendio

Stefano Brinchi, manager di Roma Servizi per la Mobilità, si promuove da solo. Ecco i dettagli

Continua...

ccc Italia

Isa, perché i commercialisti scioperano il 30 settembre

Cosa sta succedendo tra i commercialisti? La novità (e i problemi) degli Isa

Continua...

ccc Italia

Le nuove divergenze fra Renzi e D’Alema

I Graffi di Damato sull’uscita di Renzi che ha bloccato il ritorno di Massimo D’Alema nel Pd

Continua...

ccc Italia

Cybersecurity e 5G: ecco lo schema di decreto legge

Ecco i punti salienti del decreto legge al vaglio del prossimo Cdm su cybersecurity e 5G

Continua...

ccc Italia

Effetto Renzi sul governo Conte 2

I Graffi di Damato sulle reazioni dei partiti del governo giallorosso alla nascita di Italia Viva di Matteo Renzi

Continua...

ccc Italia

Enti locali: al via piano rinegoziazione con Cdp dei “mutui MEF”

Parte oggi la rinegoziazione dei mutui per gli enti locali. Sarà possibile perfezionare le operazioni di rinegoziazione attraverso l’apposito portale di Cdp

Continua...

ccc Italia

Tassare l’uso del contante? La proposta di Confindustria tra critiche e smentite

La proposta riguardo il contante di Confindustria non convince commercianti e governo. E neppure Tremonti. Ecco cos’hanno detto e i chiarimenti del viceministro al Mef Castelli

Continua...

ccc Italia

Affido condiviso: il Ministro Bonetti accantona il ddl Pillon

Ddl Pillon, la neo-ministra per la famiglia e le pari opportunità, Elena Bonetti ne ha annunciato l’archiviazione

Continua...

ccc Italia

Che cosa cambia con la mossa di Renzi

I Graffi di Damato sullo scherzo da prete di Matteo Renzi al segretario del Pd Nicola Zingaretti, prima lo ha spinto a sinistra verso l’accordo di governo e ora esce dal partito

Continua...

ccc Italia

Giudizi e pregiudizi sulla Lega di Pontida

I Graffi di Damato sulle percezioni della stampa riguardo il ritrovo del popolo leghista a Pontida

Continua...

ccc Italia

Pd, ecco tempi e modi della scissione di Renzi

Cosa vuol fare Renzi con il suo movimento. I dubbi nel Partito democratico e gli appelli ad evitare lo strappo

Continua...

ccc Italia

Lega e FdI, occorre andare oltre i selfie per ricompattare il centrodestra

Il commento di Roberta Penna per Atlantico Quotidiano sulle sfide di Salvini, Meloni e Toti per costruire un nuovo centrodestra

Continua...

ccc Italia

Governo Conte bis. I dossier sul tavolo di Ambiente, Mise, Mef e Mit

L’esecutivo ha sciolto le riserve sui nomi che comporranno l’intero assetto governativo per un totale di 42 nomi. L’articolo di Sebastiano Torrini per Energia Oltre

Continua...

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore