Dal mondo

Cosa succede in Europa dopo le elezioni americane

europa

Fra Donald Trump e Joe Biden si prospetta una sfida all’ultimo voto e forse non basterà. Il respiro lo trattengono soprattutto gli europei. Sembra davvero che queste elezioni presidenziali creino grandi preoccupazioni più a loro che agli americani. L’articolo di Gianni Bonvicini

Ancora si deve trattenere il respiro. Forse per alcuni giorni. Fra Donald Trump e Joe Biden si prospetta una sfida all’ultimo voto e forse non basterà. Il respiro lo trattengono soprattutto gli europei. Sembra davvero che queste elezioni presidenziali creino grandi preoccupazioni più a loro che agli americani.

Che cosa potrebbero significare altri quattro anni con Donald Trump presidente? Mai come oggi i rapporti fra Stati Uniti e Unione europea sono stati di così basso livello. A mancare del tutto è la fiducia che da oltre 70 anni, pur fra alti e bassi, ha tenuto in piedi un’alleanza che non era solo di interessi economici, ma di profondi valori di libertà e democrazia.

Una ricerca dell’americano Pew Research Center ha messo in luce che in 13 democrazie del mondo prese in esame la fiducia in Trump va dal misero 9% in Belgio al massimo del 25% in Giappone (in chiave anticinese).

TRUMP E IL RESTO DEL MONDO

Dal giorno della sua apparizione alla guida della più grande potenza mondiale Trump ha in breve tempo cambiato tutto lo scenario globale. Con il suo slogan ipernazionalista “America First” ha cominciato a demolire i grandi accordi internazionali, da quello faticosamente raggiunto a Parigi sul clima a quello altrettanto cruciale con l’Iran sul controllo nucleare. Ultimamente, in piena pandemia, si è ritirato dall’Organizzazione mondiale della Sanità, il tutto senza mai consultare i suoi tradizionali alleati occidentali.

Un vero e proprio assalto al multilateralismo e alle sue regole volte a risolvere i potenziali conflitti attraverso ripetuti negoziati e compromessi. Chiaramente un modo di procedere lento e prudente che all’impaziente e sprezzante presidente americano non è mai andato a genio. Né è stato digerito dagli europei il suo corteggiamento a leader autoritari, dal dittatore del Nord Corea Kim Jong-un a Vladimir Putin, da Recep Tayyip Erdogan ad uno dei pochi ammiratori europei, Viktor Orbán, accusato di violazione nel suo paese dei diritti democratici e di libertà. Per di più un corteggiamento senza mai ottenere nulla in cambio, come è stato ampiamente dimostrato dal fallimento delle trattative sul ritiro delle armi nucleari da parte di Kim Jong-un.  A peggiorare le cose è poi intervenuta la sua decisione di riprendere la corsa al riarmo nucleare e a denunciare di conseguenza i trattati sottoscritti in tempi passati, prima con l’Unione sovietica e poi con la Russia.

LA REAZIONE DEL VECCHIO CONTINENTE

È abbastanza evidente, quindi, che di fronte a questi comportamenti caotici, privi di una vera e propria strategia comprensibile, al di là del nazionalismo americano, l’Ue si sia trovata completamente spiazzata. Non erano più i valori e la fiducia reciproca, anche nel campo della sicurezza militare rappresentato dalla Nato, a contare. Erano invece i semplici interessi e convenienze commerciali a sostanziare il rapporto transatlantico.

La prima ad accorgersene è stata la cancelliera tedesca Angela Merkel che, dopo il fallimentare G7 di Taormina nel 2017, dichiarò che l’Ue non poteva più contare sul suo alleato americano e di conseguenza essa doveva “prendere il destino nelle proprie mani“. Cosa mai realmente avvenuta perché, malgrado l’allontanamento dell’amministrazione di Washington, gli europei non hanno fino ad oggi avuto la forza e la capacità di delegare la politica estera e di sicurezza a Bruxelles.

UN FUTURO INCERTO

Ulteriori 4 anni di Trump non farebbero quindi altro che portare a termine un disegno, pur senza strategia alternativa, di progressivo deterioramento della grande alleanza transatlantica del passato e ad un ulteriore indebolimento nella difesa dei valori democratici dell’Occidente. A cominciare dagli stessi Stati Uniti che, da riconosciuta ancora della democrazia, stanno manifestando già oggi preoccupanti segnali di un’involuzione del loro sistema democratico interno. Un timore alimentato dallo stesso Trump, che in caso di sconfitta elettorale si dice pronto a non “concedere” la vittoria al suo sfidante, ma ad aprire una lunga contesa giudiziale e politica per non riconoscere l’eventuale risultato avverso. L’avere avanzato questa minaccia rappresenta essa stessa per il sistema americano un vulnus non secondario sulla solidità delle sue istituzioni e procedure democratiche.

Quindi, la speranza che alla fine della lunga conta dei voti possa prevalere Biden rimane ancora un sogno europeo. Ma anche qui c’è da chiedersi quali potrebbero essere le prospettive reali del rovesciamento del clima transatlantico di questi ultimi anni, se gran parte degli elettori americani hanno in ogni caso dimostrato un sostegno del tutto inaspettato per Trump.

L’eventuale processo di riavvicinamento sarebbe perciò estremamente graduale e dipenderebbe in gran parte dall’offerta politica dell’Ue per una rinnovata alleanza sui grandi temi globali. Ma c’è davvero da dubitare che i governi dell’Unione abbiano questa capacità strategica unitaria. Sia con Trump che con Biden gran parte della responsabilità sta infatti nelle mani dell’Europa e nella sua volontà di darsi un ruolo geopolitico autonomo.

Articolo pubblicato su affarinternazionali.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore