Dal mondo

Le primavere arabe dieci anni dopo 2011-2021

La capitale dello Yemen, Sanaa

La Tunisia è nuovamente una polveriera. Le conseguenze delle primavere arabe dieci anni dopo. Il commento e il video realizzato dalla Banca Mondiale

Dieci anni fa il popolo tunisino iniziò la protesta contro il suo presidente Ben Ali. E i fatti di questi giorni rendono quei fatti più vividi che mai nella nostra memoria. Allora i tunisini denunciarono il regime, le sue politiche e le sue pratiche corrotte chiedendo lavoro, libertà e dignità. Questo era il grido di milioni di giovani frustrati dall’arroganza del clientelismo, dal crescente abisso di opportunità economiche e dal soffocamento della parola non autorizzata in qualsiasi forma.

DALLA TUNISIA A EGITTO, LIBIA E YEMEN

Proteste pacifiche non avevano mai portato a un cambio di regime nella regione. La marea travolse il Nord Africa e il Medio Oriente. Quelle prime ondate di speranza – che alcuni hanno etichettato come “primavere arabe” – portarono alla caduta dei governi in Egitto, Libia e Yemen. Ma come ora sappiamo, l’onda si è schiantata in un vortice di disillusione, opportunismo politico, autoritarismo, violenza e guerra civile.

IL VIDEO DELLA BANCA MONDIALE

Un decennio dopo quei drammatici eventi, cosa è successo alla dignità e alla libertà? Cosa è successo alle opportunità economiche? I giovani della regione MENA (Medio Oriente e Nord Africa) stanno meglio oggi rispetto a dieci anni fa?

NULLA È CAMBIATO

Nonostante l’aumento delle aspirazioni, sistemi politici a volte più aperti, e un diritto più libero di dissenso – e nonostante il sostegno della comunità internazionale – nell’ultimo decennio non si sono materializzati profondi cambiamenti nella governance economica e nei risultati.

IL DEBITO PUBBLICO

Con pochissime eccezioni, i Paesi MENA hanno accumulato un debito pubblico insostenibile e aumentato la loro dipendenza dagli afflussi di capitale. Mentre alcuni nella regione, soprattutto nel Golfo, hanno mostrato miglioramenti nella capacità di fare affari, la competitività complessiva dei Paesi MENA è rimasta inferiore al potenziale della regione.

CONDIZIONI DI VITA PEGGIORI DI PRIMA

Secondo un nuovo sondaggio di The Guardian e YouGov, la maggioranza degli intervistati in Sudan, Tunisia, Algeria, Iraq ed Egitto non rimpiange le proteste; tuttavia, più della metà degli intervistati in Siria, Yemen, Libia e Sudan dice che le loro vite sono peggiori di prima della rivolta.

UN FUTURO ANCORA PIÙ BUIO

Anche in Tunisia – probabilmente il Paese più vicino a una storia di successo democratico – il 50% dice che la sua vita è peggiore oggi, mentre solo poco più di un quarto degli intervistati dice che la sua vita è migliore. E la speranza diminuisce: la maggioranza degli intervistati in Yemen, Siria, Iraq, Libia, Sudan e Tunisia crede che i loro figli avranno un futuro peggiore di prima delle proteste.

Quel futuro è tutt’altro che inevitabile. Ma senza un cambiamento radicale nella traiettoria, si potrà parlare più probabilmente di un altro decennio perso nella regione MENA.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore