Dal mondo

Pechino ribadisce il suo ruolo nel dialogo con la Corea del Nord

Corea del Nord

L’analisi di Sara Nicoletti ed Elena Ventura per il Cesi sulla visita del presidente cinese Xi Jinping in Corea del Nord per incontrare Kim Jong-un

Giovedì 20 giugno il Presidente cinese Xi Jinping si è recato nella capitale nordcoreana Pyongyang, insieme al Ministro degli Esteri Wang Yi e altri ufficiali, per una visita di due giorni volta a rilanciare i rapporti tra i due Paesi. In particolare, durane il bilaterale con il leader nordcoreano Kim Jong-un, Xi sembra aver proposto aiuti economici al vicino in cambio di una ripresa delle negoziazioni per il disarmo nucleare del Paese, che si erano interrotte dopo il fallimento del vertice di Hanoi del 27-28 febbraio 2019 tra il leader nordcoreano e il Presidente statunitense Donald Trump.

CINA, PRIMO INTERLOCUTORE DEL GOVERNO NORD COREANO

Primo viaggio ufficiale del Presidente cinese in Corea del nord, la visita è stata l’occasione per la Cina di ribadire il proprio ruolo di interlocutore per eccellenza del governo di Pyongyang. Nonostante Cina e Corea del Nord siano storicamente in buoni rapporti, nell’ultimo decennio la corsa al nucleare avviata dal regime nordcoreano aveva spazientito la Cina, timorosa che l’attenzione internazionale suscitata dalle ambizioni di Pyongyang provocasse una pericolosa corsa alle armi a ridosso dei propri confini. L’insofferenza nei confronti della politica di Kim Jong-un aveva spinto le autorità di Pechino ad allinearsi alle critiche provenienti dalla Comunità Internazionale e ad aderire alle sanzioni contro la Corea del Nord proposte dal Consiglio di Sicurezza ONU.

LA RIVALITÀ DI PECHINO CON GLI USA

La rivalutazione del rapporto con Pyongyang da parte cinese si inserisce nel più ampio contesto della rivalità Con gli Stati Uniti. Infatti, in un momento in cui la guerra commerciale e tecnologica ha raffreddato notevolmente il dialogo tra Pechino e Washington, questo incontro può infatti essere letto come un chiaro messaggio all’Amministrazione statunitense della centralità della Cina nel processo di dialogo per la denuclearizzazione della Corea del Nord, da utilizzare come carta da giocare sul tavolo della guerra commerciale. Presumibilmente, Xi spera di poter portare dei risultati in termini di ripresa dei negoziati al Presidente Trump, che incontrerà al G20 della settimana prossima a Osaka, in Giappone.

LE SPERANZE DELLA COREA DEL NORD

Dal canto suo, la Corea del Nord, economicamente stremata dalle sanzioni, ha accolto positivamente l’arrivo di Xi, sperando che una distensione dei rapporti con la Cina serva ad alleviare le sanzioni. Sebbene sia improbabile che le sanzioni vengano effettivamente sospese, gli aiuti economici promessi dalla Cina in cambio del riavvio dei negoziati potrebbe permettere alla Corea del Nord di aggirare, almeno parzialmente, gli effetti delle sanzioni, e presentarsi in una posizione più forte ai prossimi negoziati con gli Stati Uniti.

 

Articolo pubblicato su cesi-italia.org

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore