Dal mondo

Politica estera. Cosa succede nel mondo questa settimana

politica estera

Libano, Afghanistan, Taiwan, Cina, Iran, Papua Nuova Guinea e Niger. Cosa prevede l’agenda di politica estera di questa settimana secondo Foreign Policy

OGGI, 10 AGOSTO

I disordini politici e sociali hanno attanagliato il Libano dopo le esplosioni mortali della scorsa settimana a Beirut. Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza domenica, attaccando con le macerie dell’esplosione un distretto parlamentare della città e chiedendo le dimissioni del governo. Le manifestazioni sono diventate sempre più violente mentre i manifestanti cercavano di entrare in parlamento, costringendo il personale di sicurezza a rispondere con la forza.  Il governo è stato accusato dell’incidente dopo che è stato rivelato che il nitrato di ammonio – una sostanza chimica altamente esplosiva che ha contribuito a intensificare l’esplosione – era stato immagazzinato in città nonostante gli avvertimenti degli ispettori circa il pericolo che rappresentava. Diversi alti funzionari governativi si sono già dimessi dopo l’incidente. Il ministro dell’Informazione Manal Abdel Samad si è dimesso domenica, seguito poco dopo dal ministro dell’Ambiente Damianos Kattar. Altri tre membri del Parlamento si sono dimessi domenica, portando a nove il numero totale delle dimissioni parlamentari.

Nel frattempo, l’Afghanistan rilascia altri prigionieri talebani. Domenica, l’assemblea legislativa afghana ha approvato una risoluzione che autorizza il rilascio di 400 prigionieri talebani, considerati l’ultima condizione dei talebani prima di entrare in contatto con il governo afghano. Poco dopo l’approvazione della risoluzione, il presidente Ashraf Ghani ha confermato che “firmerà l’ordine di rilascio di questi 400 prigionieri”, ponendo le basi per l’inizio dei colloqui tra le due parti questa settimana. Il rilascio dei prigionieri è stato uno dei principali punti fermi dopo l’accordo di pace firmato a febbraio tra gli Stati Uniti e i Talebani. La decisione di domenica porterà il numero totale dei prigionieri talebani rilasciati a 5.000, rispettando una delle condizioni chiave dell’accordo di febbraio. Il segretario alla Difesa americano Mark Esper ha detto sabato che la presenza delle truppe statunitensi nel Paese sarebbe scesa a meno di 5.000 entro la fine di novembre.

I funzionari statunitensi sono arrivati a Taiwan. Il Segretario della Sanità e dei Servizi Umani Alex Azar è atterrato a Taiwan domenica per l’incontro di altissimo livello tra i funzionari statunitensi e taiwanesi e ha rapidamente elogiato la gestione dell’epidemia di coronavirus da parte di Taiwan. I funzionari discuteranno degli sforzi in corso per i soccorsi in caso di pandemia, così come delle più ampie relazioni tra Stati Uniti e Taiwan a fronte della crescente pressione da parte della Cina. I funzionari cinesi non sono stati soddisfatti e hanno minacciato “forti contromisure in risposta al comportamento degli Stati Uniti”, anche se non è ancora chiaro quali azioni potrebbero intraprendere.

QUESTA SETTIMANA

10-14 agosto. Il candidato democratico americano Joe Biden dovrebbe nominare il suo “compagno di corsa” questa settimana. L’ex consigliere per la sicurezza nazionale Susan Rice e l’ex candidato alla presidenza, il senatore Kamala Harris, sono in prima linea per il posto. Colm Quinn, responsabile affari internazionali, ha recentemente spiegato la posizione di Biden in materia di politica estera.

10-14 agosto. Questa settimana il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe votare una risoluzione che estende le sanzioni all’Iran. Sebbene il segretario di Stato americano Mike Pompeo abbia annunciato che gli Stati Uniti presenteranno una risoluzione per estendere le sanzioni, non è stata ancora fissata una data.

12 agosto. Il presidente taiwanese Tsai Ing-wen si unirà all’Hudson Institute per una discussione online sulle sfide diplomatiche, di sicurezza ed economiche che Taiwan deve affrontare.

12 agosto. Bougainville, una regione autonoma della Papua Nuova Guinea, eleggerà un presidente e 39 membri della sua Camera dei Rappresentanti, che saranno responsabili di negoziare l’indipendenza dalla Papua Nuova Guinea. La regione autonoma ha votato per la separazione dalla Papua Nuova Guinea in un referendum dell’anno scorso.

13 agosto. Oggi scade una tregua dalle sanzioni contro le società statunitensi che fanno affari con la società di telecomunicazioni cinese Huawei. Ad alcune società era stato permesso di continuare a fare affari con Huawei per mitigare la pressione sulle comunicazioni nelle zone rurali del paese.

15 agosto. Il rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer incontrerà il vice premier cinese Liu He per esaminare l’accordo commerciale di febbraio tra Stati Uniti e Cina. L’incontro non è stato però confermato da nessuno dei due Paesi.

DA TENERE D’OCCHIO

Domenica, una squadra di uomini armati ha ucciso otto persone in un’imboscata nella regione meridionale del Niger, a Koure. Tra i morti c’erano due nigeriani e sei turisti francesi. Né il presidente nigeriano Mahamadou Issoufou, né il presidente francese Emmanuel Macron hanno identificato gli aggressori e nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità delle uccisioni. Negli ultimi anni il Niger è diventato un punto caldo per l’attività militante. Gruppi come Boko Haram e affiliati dello Stato islamico operano in gran parte del Paese e i loro attacchi sono aumentati con l’intensificarsi delle operazioni antiterroristiche statunitensi e francesi nella regione locale del Sahel.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore