Dal mondo

La rivolta di ottobre del Kirghizistan

Kirghizistan

Poco più di sei milioni di abitanti e il Paese più povero fra gli Stati post-sovietici dell’Asia centrale, il Kirghizistan ha vissuto nelle prime settimane di ottobre una nuova rivoluzione, la terza dopo quella del 2005, la rivoluzione dei Tulipani, e quella del 2010, la “seconda rivoluzione kirghisa”. L’articolo di Nona Mikhelidze e Gabriele Rosana

Per capire cosa sta accadendo e perché è scoppiata una nuova rivolta nel Paese dopo i risultati delle controverse elezioni parlamentari del 4 ottobre scorso – ora che la situazione sembra essersi calmata con l’insediamento di un nuovo premier e le dimissioni del presidente – bisogna però guardare agli equilibri politici del Paese.

I partiti politici tradizionali non esistono. Si chiamano partiti, ma lo sono solo formalmente; in realtà si tratta di veri e propri clan, come pure altrove nella scena centro-asiatica. I principali sono due: il clan del sud e il clan del nord, e ogni scontro e rivoluzione avviene per modificare gli equilibrio fra questi due gruppi di potere. I clan sono a loro volta divisi, ma il gioco politico sta tutto nel bilanciamento del potere tra i due principali gruppi d’interessi.

ELEZIONI CONTESE

Alle elezioni di inizio mese hanno partecipato sedici formazioni politiche, ma hanno prevalso i quattro partiti filogovernativi, parte del clan del sud, gli unici a superare la soglia di sbarramento del 7% per entrare in Parlamento. Fra i quattro vincitori, vi è il partito che appartiene al fratello dell’attuale presidente Sooronbay Jeenbekov, Asylbek.

L’esito delle elezioni non ha solo sbilanciato il potere tra i due clan, ma ha anche conferito maggiori poteri al presidente. Gli esponenti del clan del nord si sono mobilitati: all’inizio hanno accusato il governo di brogli, poi sono passati ai fatti, prendendo possesso dei palazzi del potere nella capitale, Biškek, compresi il Parlamento e il palazzo presidenziale, e liberato l’ex presidente Almazbek Atambayev dal centro di detenzione in cui si trovava dall’inizio dell’estate dopo una condanna a undici anni di carcere. Nei giorni scorsi è stato nuovamente arrestato dalle forze di sicurezza.

Proprio lo scontro tra il precedente e l’attuale leader del Paese è una delle chiavi di lettura dell’escalation autunnale nello Stato centro-asiatico. Il presidente Jeenbekov aveva inizialmente fatto perdere le sue tracce, mentre la commissione elettorale annullava i risultati delle elezioni, riconoscendo i brogli. Jeenbekov è riuscito in seguito a riprendere il controllo del Paese, a proclamare lo stato di emergenza, a schierare l’esercito nella capitale e a provare a fermare l’indicazione proveniente dal Parlamento di incaricare Sadyr Japarov come premier ad interim.

Il leader dell’opposizione, che stava scontando una pena detentiva per rapimento e che è stato liberato dagli insorti, è stato confermato ieri dal Parlamento kirghiso alla guida del governo. Jeenbekov aveva detto che, una volta garantita la transizione, sarebbe stato pronto a fare un passo indietro: una mossa accelerata già nelle ore dopo il voto favorevole a Japarov, con le dimissioni confermate il 15 ottobre.

DISORDINI DESTINATI A RIPETERSI

Questa situazione di lotta intestina, come in passato, continuerà a ripetersi nel Kirghizistan, perché non vengono risolti i problemi che vi sono all’origine. Con la pandemia di Covid-19, poi, i problemi economici si sono aggravati. Il virus ha anche colpito la Russia, dove moltissimi cittadini del Kirghizistan lavorano, e oggi trovano difficoltà a inviare le rimesse alle famiglie rimaste in patria. Sono aumentate così disoccupazione e povertà, e con esse cresceranno rabbia e i disordini politici.

A consentire che il caos continui è anche l’assenza di attori esterni. La Russia, nella cui orbita di potere nell’area post-sovietica gravita il Kirghizistan, non ha alcun interesse ad intervenire per risolvere i problemi interni al Paese. Al contrario di quanto è in atto in Bielorussia, infatti, dove un cambio di regime rischierebbe di allontanare il Paese dall’influenza di Mosca, in Kirghizistan questo pericolo non esiste. Chiunque dovesse arrivare al potere a Biškek, l’alleanza con la Russia non è in discussione.

Finché al posto di partiti tradizionali, però, ci saranno clan e gruppi di interesse a contendersi il poter, non vi potrà essere pace in Kirghizistan.

Articolo pubblicato su affarinternazionali.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore