Fact Checking

Ecco i veri (ultimi) numeri sull’auto elettrica

auto elettrica

Le vendite di auto elettriche sono in netta e costante crescita nel nostro Paese come in tutta Europa. L’articolo di Dino Marcozzi, segretario generale di Motus-E

Le vendite di auto elettriche sono in netta e costante crescita nel nostro Paese come in tutta Europa.

Il trend, infatti, come riportano i dati di Anfia/Acea e Unrae, fotografa un mercato italiano delle auto a zero emissioni in continua espansione verticale: per le elettriche pure +120% rispetto allo stesso periodo del 2018, mentre se si confronta il solo mese di giugno l’aumento è stato addirittura di +225%. Questo quadro incoraggiante a fronte di un mercato auto complessivo che registra una flessione del 2,2%.

È vero che i numeri assoluti sono ancora contenuti (parliamo di una quota di mercato complessiva dello 0,8%, secondo quanto comunicato da Anfia su dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) ma non si può sostenere, a rischio di essere smentiti dai fatti, che il mercato delle auto elettriche non sia vivace e positivo.

I BENEFICI LEGATI ALL’ACQUISTO E UTILIZZO DI UN’AUTO ELETTRICA

Gli italiani cominciano ad avere una percezione sempre più netta dei benefici che accompagnano l’acquisto e l’utilizzo dei veicoli elettrici. Da una parte, è ragionevole attendersi una decisa flessione del costo d’acquisto nel breve periodo, conseguenza diretta della riduzione dei costi delle batterie e delle materie prime che le compongono. Questo, unito agli incentivi statali, potrà portare – già solo in fase d’acquisto – ad un vantaggio competitivo in favore dei mezzi a zero emissioni rispetto a quelli a combustione interna. Ma è guardando all’intera vita utile che emerge la vera convenienza dell’auto elettrica: il costo medio di una ricarica completa a casa è di soli 9 euro, mentre i costi di manutenzione sono in media inferiori del 42% rispetto alle auto tradizionali (rapporto Sicurauto.it, giugno 2019).

AUMENTERANNO I PUNTI DI RICARICA

Anche i fattori “strutturali” che, secondo alcuni, distolgono dall’acquisto di un’auto elettrica potrebbero a breve essere superati: oggi i punti di ricarica installati nel nostro Paese sono oltre 11.000 e il solo piano infrastrutturale di Enel X arriverà a coprire 28.000 punti di ricarica nei prossimi tre anni. Alla diffusione capillare di infrastrutture corrisponderà anche una sensibile diminuzione dei tempi di ricarica, grazie all’installazione di colonnine fast e ultrafast nei centri urbani e extraurbani.

GLI INVESTIMENTI DELL’INDUSTRIA

Ultimo punto: i modelli. Le case auto europee hanno messo a piano oltre 60 miliardi di investimenti sull’auto elettrica. I modelli che stanno per uscire e le nuove versioni dei modelli esistenti hanno performance in termini di autonomia quasi raddoppiate.

In definitiva: tecnologia, infrastrutturazione e ricerca avanzano senza arrestarsi. Solo chi si ostina a difendere l’esistente rimarrà sempre, colpevolmente, indietro.

 

Articolo pubblicato su Libero

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore