skip to Main Content

Elezioni 2022, tutto quello che c’è da sapere sui collegi per il 25 settembre

Politica Elezioni Forza Italia

I collegi più grandi (e più pesanti per le elezioni), la nuova geografia dei seggi e le città più influenti 

Si vota con la stessa legge elettorale del 2018, ma il 25 settembre 2022 eleggeremo meno parlamentari di quanto fatto 4 anni fa:  400 deputati e 200 senatori. Una riduzione che è pesata sulle alleanze e, soprattutto, sulle liste dei candidati. La riduzione del numero dei parlamentari ha reso necessario un ampliamento della dimensione dei collegi rispetto a quella di quattro anni fa.

L’Importanza dei collegi uninominali

Rivestono un ruolo di primo piano, dunque, i collegi uninominali, in cui ’unico seggio in palio il candidato che prende un voto più degli altri. In questo modo si decideranno, in tutto, 221 seggi: 147 alla Camera e 74 al Senato, per il 37% dei posti totali, decisivi, almeno nella teoria, per la formazione di una maggioranza parlamentare.

I collegi più grandi

Per la Camera, due dei collegi più ampi, ovvero dove la densità abitativa è particolarmente elevata, sono a Napoli: Quartiere 7 – San Carlo all’Arena (489mila abitanti) e il Quartiere 19 – Fuorigrotta (472mila). Secondo per grandezza, il collegio di Bari, con 481mila abitanti.

Per il Senato, invece, bisogna salire a Venezia per trovare il collegio più ampio, grazie ad una popolazione di 1 milione e 89mila persone. Seguono il Municipio XIV di Roma, stessi abitanti, e Reggio Calabria (1 milione e 74mila). Collegio importante per Palazzo Madama anche quello di Bologna (1 milione e 39mila).

Il peso delle grandi città

Sempre a causa della rimodulazione, cambia anche il peso delle grandi città. Da queste, infatti, dipenderà il 16% dei seggi uninominali alla Camera (24 su 147) e il 24% di quelli al Senato (18 su 74).

Di fatto per eleggere un deputato sono necessari circa 300-400mila abitanti: di quei 24, ben 14 saranno espressione del Comune o di una sua porzione. Facendo qualche calcolo, Roma potrà eleggere per sei deputati, mentre Milano 3. Due per Napoli e due Torino, mentre le altre come Firenze e Palermo ne eleggeranno solo uno.

Il senato e le circoscrizioni più ampie

Situazione diversa, invece, per palazzo Madama, dove i senatori vengono eletti su base regionale e dove i collegi puramente a sfida cittadina sono ancora meno numerosi. Avremo solo sei senatori su 18 eletti realmente con il contributo della popolazione delle Grandi città.

I seggi pluri-comunali

Sono ben 93, infatti, i seggi in cui si incrociano i voti di diversi Comuni da decine di migliaia di abitanti. Ben 86, invece, i seggi in cui c’è una città prevalente su decine di Comuni più piccoli. Ci sono seggi, anche per la Camera, in cui a decidere le sorti dei candidati sono addirittura i voti di ben due capoluoghi di provincia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore