Fact Checking

Imprese, oltre 236mila fondate da neo laureati tra 2004 e 2018

laureati

Primo studio sull’imprenditorialità dei laureati in Italia a cura del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna e Unioncamere

Il 7,1% di loro ha creato un’impresa e nel 61,3% dei casi ne è titolare. Lo dice il primo studio sull’imprenditorialità dei laureati in Italia che ha preso in esame quelli che sono usciti dall’università tra il 2004 e il 2018. Curato da Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna e Unioncamere, “Laurea e imprenditorialità” — questo il titolo dello studio — ha analizzato i dati, a livello individuale, di 2.891.980 laureati in atenei italiani e i dati, a livello aziendale, delle 236.362 imprese che hanno fondato. Ben il 37,1% dei fondatori ha creato la propria impresa prima di ottenere la laurea e il 27,0% entro il terzo anno dalla laurea; tutti gli altri dopo il terzo anno dal conseguimento del titolo.

IDENTIKIT DEL LAUREATO IMPRENDITORE

Dai dati dello studio emerge che i fondatori sono soprattutto uomini (53,9%) e che tra di loro la quota è più alta della media e pari a 9,5%, mentre tra le donne scende al 5,5%. L’avvio di attività imprenditoriali è correlato alle caratteristiche della famiglia d’origine, in particolare alla professione dei genitori. Tra i laureati che hanno almeno un genitore imprenditore o libero professionista, infatti, la quota di fondatori è più alta della media (16,8%) mentre tra i laureati con padre libero professionista, l’avvio di attività imprenditoriali è pari all’8,9%, percentuale che scende a 7,2% e a 5,9% con genitore dirigente o direttivo/quadro. La tendenza è confermata se si prende in considerazione la professione della madre.

Tra i fondatori, si rileva una maggiore presenza di laureati con genitori che svolgono professioni di livello più elevato: l’11,5% ha un padre imprenditore (tale quota è del 4,7% nella popolazione dei laureati), il 39,0% ha un padre libero professionista (è il 30,2% in popolazione), il 7,4% ha un padre dirigente e il 7,2% un padre direttivo/quadro (in popolazione le percentuali sono, rispettivamente, 7,0% e 8,4%). Tra i fondatori ha un padre impiegato il 21,2% e un padre operaio il 13,2%. Se si prende in considerazione la professione delle madri dei fondatori la distribuzione è differente, seppure confermi le tendenze: il 3,9% è imprenditrice, il 20,7% è libero professionista, il 2,0% è dirigente e il 3,4% è direttivo/quadro, il 35,5% è impiegata e l’8,7% è operaia.

Come ci si poteva attendere, la quota di fondatori diminuisce con l’aumentare dell’anno di laurea e passa dal 10,2% tra coloro che hanno conseguito il titolo nel 2004 al 2,6% tra i laureati nel 2018. Tra i fondatori, il 58,5% ha conseguito il titolo negli ultimi 10 anni (periodo 2009-2018), il 41,5% da più di 10 anni (periodo 2004-2008).

Per quanto riguarda l’area geografica dell’ateneo in cui si è acquisito il titolo, tra i laureati del Nord la quota di fondatori è inferiore alla media e pari a 6,7%; risulta invece più elevata tra i laureati degli atenei del Centro (7,3%) e del Sud (7,5%). Il 75,0% dei fondatori ha creato un’impresa nella regione sede dell’ateneo in cui ha conseguito il titolo e solo l’8,1% in una regione differente.

LE DIFFERENZE FRA ATENEI

Una riflessione si può fare anche sulle università di provenienza dei fondatori di imprese. Tra i laureati degli atenei statali la quota è in linea con la media complessiva e pari al 7,0%, mentre sale al 9,4% tra i laureati degli atenei non statali. Proviene da un ateneo statale il 96,4% e da un ateneo non statale il 3,6%.

La quota di fondatori raggiunge i valori più alti tra i laureati magistrali biennali (18,1%) e tra i laureati pre-riforma (11,0%). Per i laureati post-riforma di primo livello e magistrali a ciclo unico, invece, scende a 5,6% e a 5,3%.

La propensione ad avviare attività imprenditoriali è poi diversa a seconda del percorso universitario concluso. La quota di imprenditori, infatti, è più alta della media tra i laureati del gruppo agraria e veterinaria (13,5%), economico-statistico (10,1%), chimico farmaceutico (9,8%) e architettura (9,1%). La quota di fondatori, invece, non raggiunge il 5% tra i laureati dei gruppi medico (4,2%), linguistico (4,4%) e insegnamento (4,8%). Tra i fondatori, il 18,1% ha conseguito una laurea nel gruppo disciplinare economico-statistico, il 14,2% nel politico-sociale, il 9,4% nel giuridico, l’8,6% in ingegneria, altrettanti nel gruppo letterario, il 7,8% nel gruppo medico.

TIPO DI IMPRESE

Le imprese fondate dai 205.137 laureati nel periodo preso in esame sono 236.362 ovvero il 3,9% del totale delle imprese presenti in Italia a settembre 2019.

Per quanto riguarda la forma giuridica il 60,2% sono imprese individuali; il 24,8% sono società di capitale, il 15,0% sono società di persone, mentre il restante 0,01% assume altre forme giuridiche. Si tratta di una distribuzione coerente con quella nazionale.

Su fronte del settore economico l’11,6% delle aziende opera in agricoltura, il 9,4% nel settore secondario e il 79,0% nei servizi. In essi, per citare i più rappresentati, il 29,1% delle imprese opera nel ramo del commercio; il 9,8% in attività professionali, scientifiche e tecniche; l’8,9% in attività finanziarie ed assicurative; il 7,5% in attività di servizi di alloggio e di ristorazione; il 6,9% in servizi di informazione e comunicazione.

Usando la classificazione EU, le imprese fondate dai laureati sono così classificate: 96,1% è una micro impresa, con fatturato inferiore ai 2 milioni di euro, 3,9% è una piccola o media impresa con un fatturato tra 2 e 50 milioni di euro e solo lo 0,03% del totale delle imprese sono grandi imprese con fatturato superiore ai 50 milioni di euro. Il 49,2% del fatturato totale è generato dalle micro imprese, il 43,5% dalle piccole e medie imprese; le imprese grandi generano il restante 7,3%.

Sotto il profilo territoriale, il 37,4% delle imprese fondate dai laureati è localizzato nel Nord Italia, il 21,7% nelle regioni del Centro e il 40,8% nelle regioni del Sud Italia. Da notare che la ripartizione territoriale dello stock di imprese italiane presenta un quadro differente rispetto a quello delle imprese fondate dai laureati: le imprese italiane sono per il 45% insediate nel Nord, 21% nel Centro e il 34% nel Sud Italia.

Un elemento positivo arriva dal tasso di sopravvivenza: delle 9.821 imprese nate nel 2009, dopo dieci anni è ancora attivo il 54,8%, percentuale che a livello nazionale scende al 40,6%. Le imprese femminili sono il 38,0% (ossia 89.917) del totale delle imprese create dai laureati. Questa percentuale è maggiore di quella nazionale che è pari al 22,0%. Il 12,8% opera nel settore agricolo, il 7,4% nel settore secondario e il 79,8% opera nel settore dei servizi (nello specifico, il 33,0% nel commercio). La percentuale di imprese femminili nel settore professionale, tecnico e scientifico è pari al 7,7%; una percentuale minore a quella osservata nella nostra popolazione di imprese (9,8%), ma superiore alla percentuale nazionale di imprese femminili che operano nello stesso settore (3,8%). Per quanto riguarda infine le start-up innovative, quelle fondate dai laureati nel periodo preso in esame sono pari al 20,2% (2.127) di tutte le start-up innovative nate in Italia (10.546). Il 24,3% di queste opera nel settore professionale, scientifico e di attività tecniche.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore