skip to Main Content

Obbligo di vaccino, cosa pensa Fondazione Gimbe?

Johnson & Johnson Vaccini Over 40 Morti

Obbligo di vaccino sì o no? Per Cartabellotta «Dal punto di vista scientifico, tutte le carte sono in regola per istituirlo»

«A fronte di un dibattito politico e di una comunicazione pubblica che rincorrono percentuali target di copertura vaccinale, va ricordato che oggi non ci sono i presupposti epidemiologici per conquistare l’immunità di gregge, in grado di proteggere i non vaccinati grazie a un’alta percentuale di persone non più suscettibili al contagio, perché vaccinate o guarite». Lo dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe che il 9 settembre pubblica il monitoraggio Covid relativo alla settimana 1-7 settembre. L’immunità di gregge «è una chimera», spiegano da Gimbe, per una serie di motivi: oggi nessun vaccino è approvato al di sotto dei 12 anni compiuti e «sono oltre 5,8 milioni di persone, il 9,9% della popolazione, tra cui il virus continua a circolare liberamente».

CARTABELLOTTA: CARTE IN REGOLA PER OBBLIGO DI VACCINO

«L’obiettivo di salute pubblica da seguire è vaccinare tutti coloro che non presentino controindicazioni, sia per una protezione individuale da malattia grave o decesso in particolare tra gli over 50 sia per ridurre al minimo la circolazione virale. Visto che quest’obiettivo è oggi basato su robuste evidenze, spetta alla politica scegliere la strategia per centrarlo: dal punto di vista scientifico tutte le carte sono in regola per istituire l’obbligo vaccinale».

Inoltre, prosegue Cartabellotta, «i vaccini anti Covid-19 approvati non sono sterilizzanti, cioè non conferiscono un’immunità totale contro il virus e anche chi è vaccinato ha una probabilità di infettarsi e trasmettere il virus. Al momento in Italia l’efficacia del vaccino verso l’infezione si attesta sul 78%». Inoltre l’efficacia dei vaccini inizia a ridursi dopo circa 6 mesi dalla fine del ciclo vaccinale, soprattutto tra i più giovani e infine la disomogeneità nell’accesso ai vaccini, con meno del 2% della popolazione con almeno una dose nei Paesi a basso reddito, contribuisce all’elevata circolazione del virus e all’emergere di nuove varianti.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore