Fact Checking

Quanto guadagnerà l’Italia con l’export? I numeri di SACE

EUSFTA sace

SACE: “L’export italiano è tornato su quel sentiero di crescita interrotto dalla crisi; un vero e proprio Ritorno al Futuro”

Ancora incertezze sul fronte delle esportazioni e, più in generale, dell’economia. Troppe incognite gravano sulla ripresa post-pandemica, a iniziare dalla riuscita dei vari piani vaccinali e dalla possibile comparsa di nuove varianti che possano ‘bucare’ le protezioni approntate finora. È quanto emerge dal Rapporto Export 2021 dell’Ufficio Studi di SACE (società per azioni del gruppo italiano a partecipazione pubblica Cassa Depositi e Prestiti, specializzata nel settore assicurativo-finanziario), giunto alla XV edizione ed intitolato “Ritorno al futuro: anatomia di una ripresa post-pandemica“.

sace

A causa del persistere di un contesto di “incertezza”, l’Ufficio Studi di SACE ha elaborato due scenari di previsione alternativi rispetto allo scenario base: il primo ipotizza uno shock positivo sulla fiducia mondiale ed una ripresa più robusta; l’altro peggiorativo i sconta una minore efficacia dei vaccini e la comparsa di nuove varianti del Covid-19.

Lo scenario più “ottimistico” ipotizza la crescita economica globale più intensa, sia nel 2021 che nel 2022, e prevede che il valore delle esportazioni italiane di beni nel 2021 segnerebbe +14,7%, pari a 3,4 punti percentuali in più rispetto allo scenario base ed una dinamica più accentuata nel 2022 (+3,7 punti percentuali). Al termine dell’orizzonte di previsione il nostro export potrebbe arrivare a superare i 577 miliardi di euro contro i 550 previsti dalla baseline.

Nel secondo scenario “peggiore”, la ripresa dell’economia globale sarebbe più lenta nel 2021. In questo scenario la crescita delle nostre esportazioni sarebbe più limitata quest’anno (+7,2%) e pressoché nulla nel 2022. Il pieno recupero delle vendite Made in Italy nei mercati esteri sarebbe quindi rimandato al 2023.

“Stiamo recuperando la più forte caduta di prodotto dal dopoguerra, ma le incertezze dell’economia sono legate all’andamento della pandemia”, ha detto il ministro dell’Economia Daniele Franco, mettendo l’accento sull’importanza delle vaccinazioni. A proposito del PNRR, il titolare dell’Economia ha affermato che ” non risolve da solo tutti i problemi del Paese” e “serve mantenere tutti gli altri strumenti di sostegno economico” .

SACE stima un rimbalzo dell’11,3% delle esportazioni italiane di beni in valore, attorno ai 482 miliardi di euro, che permetterà già nel 2021 un pieno ritorno ai livelli pre-pandemia. A seguire, si prevede per il 2022 una crescita del 5,4% per poi proseguire nel biennio successivo con una crescita media del 4% annuo.

sace

Un ritmo superiore di un punto al tasso medio pre-crisi (+3,1% tra 2012 e 2019) che consentirà di raggiungere nel 2024 il valore di 550 miliardi di euro di esportazioni di beni. Una performance che potrà anche avvantaggiarsi della domanda aggiuntiva innescata dai piani di stimolo approntati in USA ed UE (Next generation EU).

L’export di servizi, più colpito dalla pandemia, registrerà un recupero solo parziale nel 2021 (+5,1%) e la vera e propria ripresa avverrà nel 2022 quando farà un balzo del 35,1% tornando ai livelli del 2019. La crescita proseguirà anche nel biennio successivo a un ritmo medio del 5%, toccando i 120 miliardi di euro alla fine dell’orizzonte di previsione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore