skip to Main Content

Sparare al Covid. Negli USA boom di armi nella pandemia

Armi Usa

Nel weekend della Festa dell’Indipendenza almeno 150 persone sono rimaste uccise negli Usa in oltre 400 sparatorie. Solo a New York ci sono state 26 vittime

Almeno 233 persone sono state uccise e 618 sono state ferite con armi da fuoco in più di 500 sparatorie negli Stati Uniti durante il solo fine settimana del 4 luglio, secondo gli ultimi dati forniti dal Gun Violence Archive.

Solo a New York, dove la violenza è salita a livelli che non si registravano da anni, ci sono state 35 vittime – due mortali – a causa delle 29 sparatorie avvenute tra venerdì 2 e lunedì 5 luglio.

LA PASSIONE PER LE ARMI DA FUOCO

Come ha scritto il Nyt, la passione per le armi da fuoco nel Paese è aumentata durante la pandemia, con un numero sempre maggiore di americani che si reca ad acquistarne di nuove.

Le vendite di armi sono state in aumento per decenni – spesso con picchi negli anni delle elezioni e dopo crimini di alto profilo – ma nell’ultimo periodo gli americani hanno avuto un’insolita e prolungata ondata di acquisti, alimentata dalla pandemia, dalle proteste della scorsa estate per la morte di George Floyd e dalle paure che entrambe hanno alimentato.

Nel marzo dell’anno scorso gli acquisti hanno superato il milione in una settimana per la prima volta da quando il governo ha iniziato a tracciarli nel 1998. E l’acquisto è continuato, attraverso le proteste in estate e le elezioni in autunno, fino a quando durante questa primavera è stato battuto il record di 1,2 milioni.

I NUMERI DELLE ARMI

I dati di Northeastern e Harvard provengono da un sondaggio condotto su 19.000 persone. I ricercatori hanno scoperto che circa il 6,5% degli adulti americani ha comprato armi nel 2020, circa 17 milioni di persone.

Dato in aumento rispetto al 5,3% del 2019, ha detto Matthew Miller, professore di epidemiologia al Northeastern, che ha condotto lo studio con Deborah Azrael, una ricercatrice di Harvard. Per circa un quinto degli acquirenti di armi dell’anno scorso era la prima volta.

Per quanto riguarda i proprietari di armi in generale nel 2021, ha aggiunto, il 63% sono maschi, il 73% bianchi, il 10% neri e il 12% di origini ispaniche.

L’EFFETTO TRUMP

La pandemia ha accelerato una tendenza di crescita delle vendite di armi. Secondo The Trace, una fonte di notizie che tiene traccia degli acquisti, questi sono stati in costante aumento negli ultimi dieci anni, con un salto intorno all’inizio del 2013. Le vendite non sono cambiate molto durante la presidenza Trump, ma sono esplose nel 2020, con un aumento del 64% rispetto all’anno precedente.

Il ritmo è continuato quest’anno: gli americani hanno comprato più di 2,3 milioni di pistole a gennaio, il più alto valore dallo scorso luglio, secondo The Trace. E complessivamente, nel primo trimestre, le vendite sono aumentate del 18%, rispetto al primo trimestre del 2020.

Leggi anche: Chi fa più soldi col commercio globale di armi?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore