Fact Checking

Vaccino anti-Covid: perché catena del freddo e logistica sono fondamentali

catena del freddo

L’operazione di distribuzione dei vaccini rappresenta una difficilissima sfida logistica per aziende e governi. È necessaria una vera “catena del freddo”, perché altrimenti il vaccino anti Covid Pfizer-Biontech potrebbe lasciare fuori fino a due terzi della popolazione mondiale. E intanto, in Germania, sorgono forse i primi problemi

Il vaccino anti Covid Pfizer-Biontech – a differenza di altri vaccini – affinché non si degradi e la somministrazione avvenga in sicurezza, deve essere conservato a temperature bassissime. Per questo è indispensabile creare una “catena del freddo” e studiare nei minimi dettagli il viaggio che deve compiere dai laboratori di produzione fino al luogo in cui verrà inoculato ai pazienti. Trasporto, distribuzione e conservazione richiedono una pianificazione senza precedenti.

I PRIMI PROBLEMI

In Germania, in sei distretti dell’Alta Franconia, l’avvio delle vaccinazioni è stato posticipato proprio a causa di possibili problemi nella catena del freddo. Come riportato da HuffPost, secondo la Deutsche Presse-Agentur: “Durante la lettura delle temperature nelle celle frigorifere, sono sorti dubbi sul rispetto della catena del freddo”, hanno affermato in una dichiarazione congiunta gli amministratori dei distretti di Coburg, Lichtenfels, Kronach, Hof, Wunsiedel e Kulmbach, che ora vogliono verificare – con il produttore Biontech – se il vaccino può ancora essere utilizzato senza problemi.

Le autorità locali hanno voluto rassicurare i cittadini dichiarando che se ci fosse anche solo la minima possibilità che il vaccino non soddisfi al 100% i criteri di qualità, questo lotto non verrebbe inoculato.

LA DIFFERENZA CON GLI ALTRI VACCINI

A differenza dei vaccini basati su virus inattivati, che richiedono di essere trasportati e conservati tra i 2° e gli 8° C (la temperatura garantita da un normale frigorifero), i potenziali vaccini anti-Covid sono definiti “a Rna”. Questo significa che si tratta di una preparazione molto complessa, che contiene molecole o strutture sopramolecolari sensibili alla temperatura e rapidamente deperibili se non in condizioni ottimali.

Il vaccino di Pfizer-Biontech non solo deve essere somministrato in due dosi separate a circa tre settimane di distanza, ma richiede anche una temperatura tra i -70° e i -80° C. Il che rappresenta una sfida per molti Paesi. Secondo un white paper pubblicato a settembre da DHL, azienda leader nel campo delle spedizioni, la temperatura richiesta dal vaccino anti-Covid Pfizer-Biontech potrebbe lasciare fuori fino a due terzi della popolazione mondiale.

COME CONSERVARLO

Per mantenere queste temperature, come si legge su Avvenire, “servono degli ultracongelatori (macchine ingombranti disponibili sinora in pochi esemplari nei laboratori e negli ospedali, prodotte in limitate quantità da poche aziende nel mondo) oppure la produzione di una grande quantità di ‘ghiaccio secco’ (anidride carbonica allo stato solido, da conservare in appositi contenitori), che richiede strumenti anch’essi non facilmente reperibili”.

LA CATENA DEL FREDDO: UNA QUESTIONE DI LOGISTICA

Per il trasporto del vaccino servirà una complessa e costosa “catena del freddo” (cold chain) che richiederà un piano logistico a livello nazionale che si coordini con la grande distribuzione internazionale e con una precisa organizzazione e pianificazione delle convocazioni delle persone da vaccinare, per evitare appunto il deterioramento del vaccino.

COSA HA FATTO PFIZER

Il trasporto del vaccino è la nuova grande sfida per Pfizer che necessita di impianti di stoccaggio a supporto della logistica. In Canada, dove l’azienda farmaceutica ha siglato un contratto per 20 milioni di dosi, il vaccino sarà distribuito con un sistema logistico flexible just-in-time. La società, per organizzare i test clinici e distribuire le prime migliaia di dosi, ha spiegato che userà contenitori dedicati, della dimensione di una valigia, che mantengono la temperatura tramite ghiaccio secco per una decina di giorni e con possibilità di rinnovo del ghiaccio.

PAESI RICCHI VS PAESI POVERI

Nello studio di DHL è spiegato che attualmente, gran parte dell’Africa, del Sud America e dell’Asia non può essere prontamente rifornita su larga scala a causa della mancanza di capacità logistica della catena del freddo adatta ai prodotti delle scienze della vita. Nei Paesi più ricchi infatti il vaccino verrebbe probabilmente distribuito negli ospedali o nei centri appositamente costruiti, ma nei Paesi poveri – dove mancano forniture elettriche affidabili o strutture per conservare adeguatamente i vaccini – potrebbe significare che non vengano consegnati affatto.

ALTRI PROBLEMI DI DISTRIBUZIONE

A questo si aggiungono problemi molto più banali, come per esempio strade in zone rurali in pessime condizioni che potrebbero aumentare il rischio di danni ai flaconi. A tal proposito, Pfizer e Biontech hanno progettato scatole di spedizione riutilizzabili in grado di conservare tra 1.000 e 5.000 dosi di vaccino a temperature di congelamento per un massimo di 10 giorni. In attesa della validazione da parte delle agenzie regolatorie, l’investimento per assicurare la catena del freddo rischia di lasciare indietro i Paesi in via di sviluppo, creando il timore che solo le nazioni più ricche possano avere accesso a questo tipo di vaccino.

NON FARSI TROVARE IMPREPARATI

Raffaella Paita di Italia Viva e presidente della Commissione Trasporti della Camera, già l’11 novembre, come riportava Il Riformista, aveva chiesto di convocare “un ciclo di audizioni, da svolgersi in accordo con la commissione Affari sociali, che permettano di mettere in luce i vari aspetti della questione, in modo da offrire al Parlamento gli strumenti necessari per affrontarla, ascoltando le principali associazioni della logistica, i ministri competenti e il Commissario straordinario per l’emergenza. L’operazione di distribuzione dei vaccini rappresenta una difficilissima sfida logistica. Come spiegano i rappresentanti del settore, per vincerla è indispensabile giocare d’anticipo chiarendo già ora quali sono i mezzi e i metodi necessari”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore