skip to Main Content

G30, il monito di Draghi: economia sull’orlo del precipizio

Draghi

L’ex presidente della Bce Mario Draghi, insieme al think tank G30, avverte che la vera crisi economica deve ancora esplodere. In molti settori e Paesi siamo sull’orlo del precipizio in termini di solvibilità, specialmente per le piccole e medie imprese. I progetti per il futuro devono avere valore sociale dimostrabile

L’ex presidente della Bce Mario Draghi ha realizzato, insieme al think tank di consulenza su questioni di economia monetaria e internazionale Group of the Thirty (G30), un rapporto preliminare sugli effetti del Covid-19 e sulla ristrutturazione delle imprese dopo la pandemia. Come fa notare Il Sole 24 Ore, non sono solo le popolazioni a subire la seconda ondata ma anche le economie. Le imprese, infatti, prima se la sono vista con una crisi di liquidità e ora con il problema delle insolvenze che tiene in molti “sul bordo di una scogliera”.

L’ALLARME DI DRAGHI

Per Draghi stiamo attraversando una crisi che non si è ancora mostrata fino in fondo. Le conseguenze della pandemia non sono ancora arrivate in superficie sul terreno dell’economia per l’ex presidente della Bce e lancia un allarme: in gioco c’è la tenuta del sistema.

LA CRISI CHE VEDIAMO È SOLO LA PUNTA DELL’ICEBERG

“Le autorità devono agire urgentemente – ha detto Draghi durante la presentazione del rapporto – perché in molti settori e Paesi siamo sull’orlo del precipizio in termini di solvibilità, specialmente per le piccole e medie imprese, con i programmi di sostegno in scadenza e il patrimonio esistente che viene eroso dalle perdite. Il problema è peggiore di quel che appare perché il massiccio aiuto in termini di liquidità, e la vera e propria confusione causata dalla natura senza precedenti di questa crisi che stiamo vivendo, ne stanno mascherando le vere dimensioni”.

UNA BOMBA PRONTA A ESPLODERE

Draghi si chiede come mai non stiamo vedendo molte insolvenze di imprese nel mondo – in Europa, infatti, nel 2020 sono state meno rispetto al 2019, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera. Ma non è tutto oro quel che luccica. La spiegazione dell’ex numero 1 della Bce è che il flusso di sussidi pubblici e credito garantito dai governi “sta coprendo una realtà che è molto più preoccupante di quanto possiamo stimare per il momento”.

NON SOLO SUSSIDI, SERVE UNO SGUARDO A LUNGO TERMINE

Come aveva già ricordato durante il Meeting di Rimini di quest’anno, per Draghi è necessario uno sguardo a lungo termine per ripartire: “I sussidi servono a sopravvivere, a ripartire. Ai giovani bisogna però dare di più: i sussidi finiranno e se non si è fatto niente resterà la mancanza di una qualificazione professionale, che potrà sacrificare la loro libertà di scelta e il loro reddito futuri. […] Il futuro è nelle riforme anche profonde dell’esistente. E occorre pensarci subito”.

LA SOSTENIBILTÀ DEL DEBITO PUBBLICO

“La sostenibilità del debito pubblico in un certo Paese sarà giudicata sulla base della crescita e quindi anche di come verranno spese le risorse di Next Generation Eu. Se saranno sprecate il debito alla fine diventerà insostenibile perché i progetti finanziati non produrranno crescita – ha affermato in un’intervista rilasciata al Corriere – Se i tassi di rendimento dei progetti fossero elevati e tali da giustificare l’investimento pubblico, allora la crescita arriverebbe e diventerebbe il fattore decisivo per la sostenibilità del debito”.

RECOVERY PLAN: PROGETTI CHE PRODUCANO CRESCITA

Draghi in merito a come investire i 209 miliardi di euro ha ricordato che è importante valutare se un progetto “supera certi test che riguardano il suo tasso di rendimento sociale, come anche nell’istruzione o nel cambiamento climatico”, oppure “se è semplicemente il frutto di una convenienza politica e di clientelismo”. Il Recovery Fund rappresenta “un’opportunità unica di investire in molti progetti di valore elevato”. Come fa notare il Corriere, in molte capitali europee si è diffusa l’idea di usare parte del Recovery Fund per finanziare progetti pre-esistenti. Su questo punto Draghi rimane comunque pragmatico: “se sono vecchi o nuovi non è importante, ciò che conta e molto è che il loro valore sociale sia dimostrabile”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore