skip to Main Content

Discoteche, la musica è finita. Da un anno e mezzo. E la pazienza?

Discoteche

Oltre 100 mila persone che non lavorano da quasi 18 mesi. Durissimo Pasca, numero 1 di Silb-Fipe, associazione delle discoteche: «Il settore dell’intrattenimento è l’unico chiuso ininterrottamente da febbraio se non consideriamo la breve parentesi estiva che ha permesso di aprire solamente al 10-15% delle discoteche. Per noi nessuno ha mai speso una parola o un euro»

Discoteche chiuse, desolatamente vuote da un anno e mezzo. Qualcuna, lo ricordiamo tutti, aveva provato ad aprire, clandestinamente (non c’è mai stato un Dpcm che abbia disciplinato la riapertura dei locali chiusi, con sale da ballo indoor, mentre i permessi avevano riguardato solo quelle con zone all’aperto, il 10-15% del totale, fanno sapere dalla principale associazione che le rappresenta) in estate e l’intero settore era diventato, almeno nel dibattito politico, l’untore causa della seconda ondata. Ci ricordiamo infatti le immagini di discoteche piene, soprattutto al Sud e sulle isole, di ragazzi accalcati e affannati, privi di mascherina. Ma adesso le discoteche, soprattutto quelle più ligie alle regole – e sono la maggioranza – chiedono di poter riaprire. E lo fanno da tempo, come chi legge Policy Maker sa bene.

«Il settore dell’intrattenimento è l’unico chiuso ininterrottamente da febbraio se non consideriamo la breve parentesi estiva che ha permesso di aprire solamente al 10-15% delle discoteche. Questo comparto è totalmente fermo da 14 mesi, e per noi nessuno ha mai speso una parola o un euro». Lo ha dichiarato Maurizio Pasca, presidente di Silb-Fipe (Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento di Ballo e di Spettacolo). «I ristori – ha accusato – sono stati minimi e non hanno aiutato. Il 30% delle discoteche, a causa di questa situazione, è stato costretto a chiudere e il 40% è destinato a chiudere se non si riaprirà entro questa estate».

E così ora «Ci sono oltre 100 mila persone che non lavorano da quasi un anno e mezzo. Finora il governo ha previsto le riaperture di tutti i settori tranne il nostro, mentre negli altri Paesi già si riprogramma, anche perché il nostro comparto – ha concluso Pasca – ha bisogno di una programmazione anticipata di alcuni mesi, non è un settore che si può organizzare da oggi a domani».

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore