Insider

Perché bar e ristoranti faticano a trovare oltre 150mila camerieri

camerieri

AAA cuochi, camerieri, stagionali cercasi. Per Federturismo la colpa è del reddito di cittadinanza. Fipe: “Oltre 120mila professionisti a tempo indeterminato, a causa dei troppi impedimenti imposti alle nostre attività, hanno preferito cambiare lavoro e interrompere i loro contratti”

Una situazione che sa quasi di beffa. Dopo le chiusure, le riaperture potrebbero essere azzoppate dalla mancanza di lavoratori. Lo aveva già denunciato, qualche tempo fa, Federturismo: “Con crescente frequenza, e in tutto il Paese, gli imprenditori non riescono a reperire sul mercato le professionalità e i profili normalmente in forza al settore durante i periodi di alta stagionalità”.

Secondo l’associazione aderente a Confindustria, la colpa è dell’assegno voluto dai pentastellati a sostentamento dei disoccupati: “La ragione pare sia dovuta al fatto che molti percettori del Reddito di Cittadinanza, male interpretando lo spirito della misura, preferiscono continuare a percepire il sussidio al posto di rientrare nel mondo del lavoro”. Mancano insomma i bagnini sui litorali, i baristi e i camerieri. Il medesimo allarme ora proviene da Confcommercio.

Roberto Calugi, direttore generale di Fipe, ha sottolineato come sulle riaperture gravi “un’incognita che rischia di compromettere questa ripresa: mancano all’appello circa 150mila lavoratori. In particolare – prosegue – stiamo parlando dei 120mila professionisti a tempo indeterminato che nel corso dello scorso anno, a causa dei troppi impedimenti imposti alle nostre attività, hanno preferito cambiare lavoro e interrompere i loro contratti”.

Chi manca all’appello? “Si tratta di cuochi e bar tender di lunga esperienza, attorno ai quali, spesso, sono state costruite intere imprese. A questi si aggiungono altri 20mila lavoratori che lo scorso anno lavoravano a tempo determinato e che oggi, anche alla luce dell’incertezza sul futuro, potrebbero preferire strumenti di sostegno al reddito, invece di un vero impiego”. “Per invertire questo trend e rendere nuovamente la ristorazione attrattiva soprattutto per le figure più professionalizzate, è importante che la politica dia un segnale di fiducia, ribadendo che il processo di riapertura sarà irreversibile”, conclude Calugi.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore