skip to Main Content

Qual è l’obiettivo del terzo polo auspicato da Renzi?

Renzi

Il piccolo centro di Matteo Renzi e Carlo Calenda, se dovesse formarsi, vuole provare ad azzoppare il centrodestra. La nota di Paola Sacchi

Terzo polo per cercare di stoppare il centrodestra, in netto vantaggio in tutti i sondaggi, inchiodarlo a quella “non vittoria” necessaria per un governo Draghi bis. Il piccolo centro di Matteo Renzi e Carlo Calenda, alla ricerca della “quadra” per unirsi, al di là dei distinguo “riformisti”, liti, scissioni (Renzi), accordi fatti e poi disfatti (Calenda), programmi su alcuni punti nettamente diversi come sulle tasse, con il Pd, dal quale proviene, un oggettivo obiettivo comune lo ha: fermare il centrodestra. Sulle formule successive si vedrà. E, comunque, come osserva lucidamente in un tweet un ex-storico Dc come Guido Bodrato, in un sistema rimasto sostanzialmente bipolare, maggioritario, dove sono falliti i tentativi di ritorno al proporzionale, un terzo polo “può solo scegliere chi fare perdere”.

Non a caso, il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, definisce Renzi e Calenda “sponde del Pd”. Liquida come “voto inutile” quello a Renzi e Calenda, respinge nettamente il tentativo del terzo polo di presentarsi come i “moderati”: “Il centro liberale, europeista, atlantico, garantista siamo noi di Forza Italia, eredi dell’elettorato della Dc e del socialismo di Craxi”.

A parte il substrato di una cultura o di sinistra Dc poi Pd o da Pd, tendenza Ztl, la confusa “telenovela” del terzo polo, peraltro iniziata a partita elettorale in corso, tra un colpo di scena e l’altro, si basa però su un chiaro presupposto che ricongiunge i “terzisti” al Pd. Ovvero, il sostanziale rifiuto dell’alternanza in questo quadro politico. Declinato in modi diversi, più allarmistici o meno, ma che converge nella stessa convinzione, in nome di un vecchio riflesso di “superiorità”: il centrodestra non sarebbe adatto a governare. Tanto più non lo sarebbe con Fratelli d’Italia primo partito secondo i sondaggi, ovvero la destra del centrodestra dove i cosiddetti “moderati” sarebbero schiacciati.

Ma, fallito il tentativo del proporzionale, falliti i tentativi di creare improbabili maggioranze “Ursula” all’italiana, con FI gregaria contro-natura del Pd, o magari svuotata dal piccolo centro di Iv e di Azione, insomma arrivato al capolinea il treno dei desideri a tavolino del centrosinistra, non restano che le solite macchinose manovre. Che però ora dal Palazzo si trasferiscono sul campo di battaglia dei consensi degli italiani.

Letta, rimasto solo con +Europa e la scomoda alleanza con la sinistra radicale e ambientalista di Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli, persino contro l’allargamento della Nato, attacca a testa bassa Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, con toni sopra le righe. Il cosiddetto bipolarismo atlantico, disegnato dai media, con civile riconoscimento tra avversari, va a farsi benedire. È messo a dura prova dall’affondo del leader del Pd a Meloni: “Sta cercando di cambiare immagine, di incipriarsi, ma mi sembra una posizione molto delicata, se i punti di riferimento sono Orban e Vox”. Dura la replica della presidente di FdI: “È misoginia” e poi “non accettiamo lezioni da chi si erge a paladino dell’atlantismo ma poi stringe patti con la sinistra radicale nostalgica dell’Urss. Noi non abbiamo bisogno della cipria, mentre voi non riuscireste a coprire le vostre contraddizioni neanche con lo stucco”.

Intanto, in un clima di accuse da parte di Emma Bonino a Calenda viene presentato il primo candidato unitario di +Europa e del Pd: l’economista Carlo Cottarelli, ex-premier incaricato nel 2018. Evidente il tentativo di Letta di coprirsi sul fianco del centro dopo il patatrac dell’intesa con Calenda.

Il centrodestra continua a battere il tasto sul programma. Berlusconi e Matteo Salvini rispondono alle critiche da sinistra sulla flat tax. “Al contrario la tassa piatta (per FI al 23 per cento) fa crescere le entrate e l’economia”, spiega Berlusconi che parla anche della sua possibile candidatura al Senato e difende Meloni definendola “adatta alla guida del governo”.

Il leader della Lega ricorda: “Oggi già 1,9 milioni di lavoratori (a partita Iva) usano la Flat Tax al 15% massimo. Nel 2021 hanno aperto in Italia 549.500 nuove Partite Iva, di cui quasi la metà giovani sotto i 35 anni”. “Fra questi nuovi lavoratori, ben 239.000 (il 43%) hanno scelto la Flat Tax. I numeri zittiscono Letta”, chiosa Salvini.

Articolo pubblicato su Start Magazine. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore