Italia

Addio a De Crescenzo narratore di un Sud oltre gli stereotipi

Ieri è scomparso Luciano De Crescenzo, scrittore e regista napoletano. Pubblichiamo la riflessione del giornalista Luciano Lanna

Ci ha lasciato anche un altro “grande vecchio”, Luciano De Crescenzo: ingegnere, scrittore di successo, umorista, conduttore televisivo, divulgatore della filosofia al grande pubblico, attore, regista e sceneggiatore. Qualche tempo fa annotavo questa riflessione:

“È possibile individuare la fisionomia di un blocco sociale oggi emergente nel Sud d’Italia? Si può, in altri termini, tentare di cogliere quel nuovo che avanza e che si pone al di là e oltre tutti gli stereotipi, siano questi il popolo dell’assistenzialismo e del reddito di cittadinanza, quelli dell’egemonia esclusiva delle organizzazioni criminali — che da tempo spadroneggiano anche nelle regioni del Nord e del Centro — oppure il regno incontrastato della corruzione e del voto di scambio.

C’è insomma un Sud non racchiudibile soltanto nel racconto cinematografico (e antropologico) di Checco Zalone o di Ficarra e Picone? Si potrebbe partire dalle categorie introdotte da quel piccolo capolavoro che è stato “Così parlò Bellavista” (sottotitolo “Napoli, amore e libertà”, Mondadori 1977) di Luciano De Crescenzo. Oltre quarant’anni fa, quel libro invitava a utilizzare due parole formulate nell’800 dal sociologo tedesco Ferdinand Toennies: Gemeinshaft e Gesellshaft. La prima, caratterizzata – spiegava lo scrittore napoletano – dal primato dei “caldi impulsi del cuore”, poteva essere la chiave sociologica per entrare in sintonia con la mentalità e la vocazione del Sud. A differenza di quella “logica dell’intelletto” che, a suo dire, permeerebbe in maniera privilegiata le dinamiche antropologiche e sociali del Settentrione. Gemeinshaft, in sostanza, stava per una mentalità maggioritaria tesa all’approccio filosofico, alla qualità più che alla quantità, alla cultura umanistica, alla creatività diffusa rispetto a un’idea di crescita di tipo prevalentemente scientifico-produttivistica, tesa quest’altra principalmente al profitto razionalizzato e all’efficientismo di un mercato quantitativo…”

Ci ha lasciato anche un altro "grande vecchio", Luciano De Crescenzo: ingegnere, scrittore di successo, umorista,…

Geplaatst door Luciano Lanna op Donderdag 18 juli 2019

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore