Italia

Consigli utili a governo e Bruxelles su Iva e investimenti. Parla il prof. Piga

L’economista Gustavo Piga a Policy Maker: abolire presentazione Def prima delle elezioni, solo dopo il voto sentiremo cose serie. In Italia siamo al delirio

Una buffonata. Gustavo Piga, economista, saggista ed editorialista, è essenziale ma quanto mai chiaro sul balletto che si sta facendo intorno al Def, in Italia e in altri Paesi. La verità, spiega il docente di Economia politica all’ateneo romano Tor Vergata, è che “siamo alla vigilia elettorale e si può dire qualsiasi cosa. Gli elettori del resto sono abituati, ne hanno sentite di ogni genere, da tutti i governi, da quello attuale e dai precedenti”.

LE ULTIME SUL DEF

Intanto le discussioni su cosa debba contenere il documento di programmazione economica e finanziaria vanno avanti così come il braccio di ferro tra gli alleati. La Lega insiste per inserire la flat tax mentre il Movimento Cinque stelle è nettamente contrario e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, rileva: “La flat tax è un pilastro del progetto di governo ma dobbiamo renderla compatibile con la finanza pubblica”. Per quanto riguarda i numeri, nelle ultime bozze è previsto un Pil in crescita solo dello 0,2% e un debito in salita al 132,6%, a rischio procedura d’infrazione europea dunque. Oggi è in programma un vertice a Palazzo Chigi con il ministro dell’Economia Giovanni Tria e con il premier e i suoi vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Domani il Def, come annunciato dallo stesso Conte, dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri.

PIGA: RIMANDARE IL DEF A DOPO LE ELEZIONI

In questo bailamme, la soluzione di Piga è molto semplice: “Consiglierei vivamente a tutti, anche alle istituzioni europee, di abolire la scadenza del Def prima di una consultazione elettorale, è una buffonata, si veda anche quello che sta accadendo in altri Paesi”. Rinviando la presentazione del documento a dopo il voto “è possibile concentrarsi su questioni serie qual è la programmazione economica di un Paese”.

PIGA: IN ITALIA SIAMO AL DELIRIO

Nel concreto, parlando di quanto sta accadendo in Italia, l’economista esperto anche di euro e di Ue dimostra ancora una concisione lineare: “Di Maio ha detto senza mezzi termini che non si aumenta l’Iva. Si tratta di un’occasione persa per liberarci delle clausole di salvaguardia e per utilizzare quelle risorse per investimenti pubblici. Non avendo questo gettito extra da utilizzare e aggiungendo la flat tax siamo al delirio”. Non c’è dubbio: “Solo dopo le elezioni potremo sentire cose coerenti e serie”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore