skip to Main Content

Cosa sappiamo sull’attacco hacker al Senato e alla Difesa degli hacker filo-russi Killnet

Pegasus Trojan Killnet

Sul caso indagano i pm dell’Antiterrorismo di Roma. In Procura è stata trasmessa una prima informativa della Polizia Postale. Dietro ci sarebbe il gruppo filo putiniano Killnet

Sarebbe stato portato a termine dal collettivo filo putiniano Killnet, uno dei più attivi gruppi di hacker russi, l’attacco informatico dell’11 maggio a diversi siti istituzionali italiani, tra cui quello del Senato e della Difesa.

Gli hacker, per mezzo del loro canale Telegram, hanno comunicato di aver colpito Italia e Spagna: “Questa sarà la fine per voi, forse”, la minaccia plateale. Sempre da Telegram, Killnet ha poi invitato gli oltre 57mila iscritti al proprio canale a falsare gli esiti della finale dell’Eurovision Song Contest.

Attraverso la piattaforma il gruppo ha fatto propaganda a Zarya, altro gruppo di hacker associato, che avrebbe portato a segno un colpo sferrato al portale previdenziale ucraino e pubblicato in rete un elenco di oltre 62mila nominativi.

GLI ATTACCHI RIVENDICATI DAGLI HACKER RUSSI

Sul caso italiano indagano i pm dell’Antiterrorismo di Roma, coordinati dall’aggiunto Michele Prestipino. In Procura è stata trasmessa una prima informativa della Polizia Postale. Gli inquirenti procedono per accesso abusivo a sistema informatico.

Dall’inizio delle ostilità di Mosca sul suolo ucraino, Killnet, legato al collettivo Legion, noto per coordinare l’attività di cellule informatiche che hanno come finalità proprio l’attacco a siti di istituzioni e aziende occidentali, ha rivendicato attacchi ai siti governativi dei Paesi che si sono schierati a favore di Kiev: Romania, Polonia e USA.

Tra i blitz più recenti di Killnet quello contro gli ospedali britannici, con la minaccia di bloccare i respiratori dei pazienti ricoverati per Covid-19 nelle terapie intensive.

CHI C’È DIETRO A KILLNET E COME SI MUOVE

Dei membri di Killnet, ovviamente, si sa ben poco, ma il 3 aprile 2022, è stato a sua volta hackerato dai rivali di Bluehornet/Atw, che hanno diffuso alcuni dati personali di quelli che vengono ritenuti i leader del gruppo: secondo le informazioni rilasciate, uno di loro sarebbe residente a Belgorod/Oblast, in Russia.

I vertici avrebbero tra i 20 e i 21 anni.  I pirati informatici di Killnet agiscono con un modus operandi collaudato che prevede un attacco a Ddos (distributed denial of service), che ha lo scopo di sovraccaricare i server di una rete per renderla inutilizzabile.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore