Italia

Italiani tartassati, quasi metà dello stipendio se ne va in tasse

L’Ocse avverte: nel 2018 il cuneo fiscale è salito al 47,9%. Nelle famiglie monoreddito si attesta al 39,1% a fronte di una media nei Paesi dell’organizzazione del 26,6%

L’Ocse torna a bacchettare l’Italia. Stavolta il motivo sono le buste paga troppo leggere: il cuneo fiscale, avverte l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, nel 2018 è arrivato al 47,9%. A conti fatti, molto semplici peraltro, in tasca ai nostri connazionali in media rimane il 52,1% della retribuzione.

IL RAPPORTO OCSE

Nel rapporto “Taxing Wages 2019” si esaminano gli stipendi medi di tutti i Paesi Ocse e il quadro che ne emerge non è troppo roseo: in Italia le tasse sul reddito e i contributi sociali lo scorso anno sono saliti dello 0,2% portando il prelievo al terzo posto della classifica su 36, dietro solo a Belgio (52,7%) e Germania (49,5%), che rimangono stabili. La media Ocse è in calo di 0,16 punti percentuali al 36,1%.

Per quanto riguarda invece il costo totale del lavoro, nel nostro Paese è pari a 59.600 dollari a parità di potere d’acquisto, dato che ci colloca a metà classifica con una media Ocse di 53.800 dollari, sopra gli Stati Uniti (59.500 dollari) ma abbondantemente sotto Svizzera (82.200 dollari), Germania (80.300 dollari) e Belgio (79.300 dollari).

IL FOCUS SULL’ITALIA

Nello specifico il cuneo fiscale medio che si abbatte sugli italiani è composto per il 16,7% dall’imposta sui redditi, per il 7,2% dai contributi a carico del lavoratore e per il 24% dai contributi a carico del datore di lavoro.

Andando ad analizzare i diversi nuclei, il salario lordo di un lavoratore single è mediamente di 45.300 dollari; il netto è pari al 68,6% del lordo. Il cuneo fiscale si attesta in questo caso al 47,9%. Rispetto ai single tale voce scende dell’8,8%, al 39,1% (a fronte però di una media Ocse del 26,6%), nel caso di una famiglia monoreddito grazie agli assegni famigliari e ad altri benefici. Se invece in casa entrano due stipendi il cuneo è del 41,7%, +0,32% rispetto al 2017: se pure i figli sono due il guadagno retributivo medio è pari a 75.600 dollari.

IL TAXING WAGES OCSE

Il rapporto Ocse presenta diversi aspetti della tassazione del lavoro nei paesi membri, ma si concentra sul cuneso fiscale (tax Wedge), definito nella stessa pubblicazione come la differenza tra il il costo del lavoro sostenuto dal datore e la retribuzione netta corrisposta al lavoratore.

Il tax wedge è calcolato sommando le imposte sul reddito personale, i contributi previdenziali, le eventuali imposte sul salario e deducendo in percentuale i benefit assicurati al lavoratore.

Ma è la stessa Ocse, nel presentare il proprio lavoro che avverte: il calcolo potrebbe essere in realtà inferiore all’effettivo costo del lavoro sostenuto dai datori, perchè possono esserci obblighi non fiscali che “pesano” sul costo del lavoro.

IL CUNEO FISCALE NEL MONDO

La seguente tabella estratta dal rapporto Taxig Wages, mostra quanto il cuneo fiscale possa variare tra i vari paesi membri. I dati, riferiti al 2018, mostrano che se in Austria, Belgio, Francia, Germania, Ungheria e Italia, il cuneo fiscale è pari o superiore al 45%, in Cile, Messico e Nuova Zelanda è inferiore al 20%. Il cuneo fiscale più alto è quello registrato in Belgio (52,7%), il più basso quello cileno (7,0%). La tabella 1 mostra che il cuneo fiscale medio nei paesi dell’OCSE nel 2018 è stato del 36,1%.

cuneo fiscale nel mondo

COME è COMPOSTO IL CUNEO FISCALE

La figura 1 mostra quanto pesano sul totale del cuneo fiscale le diverse voci che lo compongono: dalle tasse dirette sul reddito alla previdenza sociale a carico del lavoratore (in rosso) e del davore di lavoro (in giallo).

cuneo fiscale

IL PESO DEL CUNEO FISCALE PER LE FAMIGLIE

La tabella 2 estratta dal rapporto Ocse mette a confronto il cuneo fiscale per una coppia sposata con due bambini, e quello di single senza figli, con un livello di entrate nella media.

Anche in questo caso esistono enormi differenze da paese a paese, ma in generale il cuneo fiscale si riduce per la famiglia con bambini. Si passa infatti da una media del 36,1% per il single al 26,6% per la famiglia.

Cuneo fiscale, tavola 2

LA METODOLOGIA

L’analisi Ocse Taxing Wages 2019 si concentra sui dipendenti a tempo indeterminato del settore privato, presumendo il loro reddito medio annuale a partire dal reddito medio annuale dei paesi Ocse.

Sono considerate nel termine “tax”, le imposte sui redditi, tutte le imposte riassumibili nella previdenza sociale, mentre non sono prese in considerazione altre imposti indipendenti dal reddito da lavoro dipendente (redditi da società, imposte sui patrimoni o sui consumi).

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore