skip to Main Content

Def in CdM, torna l’allarme nucleare. Le prime pagine

Superbonus

Def in Consiglio dei Ministri, piano Usa per tregua a Gaza, attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, il no del Papa a madri surrogate, aborto ed eutanasia. Le prime pagine

DEF IN CONSIGLIO DEI MINISTRI

La prima notizia del giorno è l’approdo del Documento di Economia e Finanza al Consiglio dei Ministri. Intanto, lo scontro politico si infiamma e il ministro Giorgetti garantisce che non ci sarà nessuna manovra correttiva rispetto agli obiettivi, secondo quanto riporta il Corriere della Sera (“Governo, la prova dei conti”).

Il Governo prova a semplificare le procedure per contribuenti e professionisti riguardo imposte sul bollo e sulle successioni, aggiunge il Sole 24 Ore (“Imposta di successione e donazioni, arrivano precompilata e calcoli fai da te”).

“Sarà un Def snello e asciutto” scrive La Stampa (“Giorgetti e il Def al buio. Aspettiamo le regole Ue”), aggiungendo che novità ed eventuali correzioni arriveranno nei prossimi mesi.

Il ministro Giorgetti “non può mettere nero su bianco cifre e numeri: il rischio è di certificare le enormi difficoltà di bilancio”, sottolinea Domani (“Sanità, promesse sulle tasse, pensioni. Il Def del governo è un salto nel buio”).

PROPOSTA USA PER TREGUA A GAZA

Il secondo tema che occupa le prime pagine dei principali giornali è la nuova proposta americana per raggiungere una tregua a Gaza e il rilascio degli ostaggi di Hamas. Il piano di Trump prevede che Kiev rinunci “ai territori occupati in Donbass in cambio della pace. Un piano che favorirebbe Putin”, secondo il maggiore quotidiano nazionale (“Gaza, nuova proposta Usa su tregua e ostaggi. Raid su Zaporizhzhia: torna l’allarme nucleare”).

Intanto, il ministro degli Esteri israeliano avvisa l’Iran: “Risponderemo a chiunque ci attacchi”, secondo quanto riporta La Repubblica (“Il ministro degli Esteri israeliano all’Iran”).

ATTACCO ALLA CENTRALE NUCLEARE UCRAINA

Torna l’allarme nucleare. Droni russi hanno attaccato la centrale nucleare di Zaporizhzhia, provocando gravi danni, secondo quanto riporta La Stampa (“Droni sulla centrale di Zaporizhzhia: Gravi danni, si rischia l’incidente nucleare”).

È la prima volta dal 2022 che un attacco colpisce l’area dove si produceva l’energia atomica, osserva De Luca su Domani (“Colpita Zaporizhzhia, incubo nucleare”).

Mosca respinge le accuse e dà la responsabilità del raid a Kiev, scrive il Corriere della Sera (“Gaza, nuova proposta Usa su tregua e ostaggi. Raid su Zaporizhzhia: torna l’allarme nucleare”).

NO DEL PAPA ALLE MADRI SURROGATE

La quarta notizia del giorno è il no del Papa alla maternità surrogata. “Sia proibita a livello universale. Teoria del gender pericolosissima”, secondo il documento del Dicastero per la Fede “Dignitas Infinita” (Corriere della Sera, “Surrogata, gender e fine vita. La linea dura del Vaticano”).

La maternità surrogata “lede gravemente alla dignità della donna e del figlio”, sottolinea La Repubblica (“Madri surrogate da vietare. Il no del Papa”). Stop anche ad aborto ed eutanasia, elencati tra le “gravi violazioni della dignità umana”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top