skip to Main Content

Gli imbarazzi della Farnesina e i silenzi di Tajani verso il suo vice Cirielli

Tajani Cirielli

Le parole del viceministro alla Farnesina, Edmondo Cirielli, sulla guerra in Ucraina e le politiche della Nato fanno discutere. Il silenzio imbarazzato di Tajani

“Se tu fai una politica imperialista gli altri si irrigidiscono. E per altri parlo della Cina, parlo della Russia. Probabilmente se avessimo fatto un’altra politica nei confronti della Russia, avremmo evitato la guerra in Ucraina”. Queste parole non le ha pronunciate Alessandro Orsini né il premier ungherese Orban. Sono dichiarazioni ufficiali del viceministro italiano agli Affari esteri Edmondo Cirielli, rese – tra l’altro – in occasione dell’incontro ‘La Nato verso il 2030’ organizzato da Fratelli d’Italia a Roma.

Cirielli ha anche aggiunto: “Una politica più morbida, più diplomatica, aiuta a trovare la pace. Le politiche rigide, aggressive e imperialiste sono sempre negative. Questo non giustifica la violazione del diritto internazionale”.

L’IMBARAZZO DI TAJANI, L’ECO DELLE PAROLE DI CIRIELLI ARRIVATA A PALAZZO CHIGI

Parole che in chiaro i partiti di maggioranza e opposizione, per opposti motivi, stanno evitando di commentare, ma che off record stanno sollevando un polverone. E sembrano stiano stanno mettendo in forte imbarazzo la Farnesina e lo stesso ministro Antonio Tajani, con l’eco che è arrivata anche a Palazzo Chigi.

Ecco cosa scrive Stefano Folli su Repubblica: “Fino a questo momento il governo Meloni ha fatto leva proprio sul quadro internazionale per acquisire credibilità e legittimarsi presso gli alleati e i vari partner commerciali. Le sue scelte si sono rivelate per lo più azzeccate. E ora al G7 si misureranno i risultati del lavoro fatto. Ecco perché suscita qualche interrogativo senza risposta quel che è successo nelle ultime ore. In un convegno nell’ambito di Fratelli d’Italia, convocato per parlare dei 75 anni dell’Alleanza Atlantica, si sono ascoltate parole del viceministro degli Esteri, Cirielli, che hanno suscitato perplessità. S’intende, ogni tesi è legittima, ma il problema è che Cirielli ha abbracciato un punto di vista alquanto eterodosso rispetto al solco della nostra politica estera”.

FOLLI: “MELONI FORSE VUOLE LASCIARE UNO SPIRAGLIO APERTO VERSO TRUMP?”

“Dire, in sintesi, che l’imperialismo della Nato ha favorito la violazione del diritto internazionale da parte della Russia – sottolinea l’editorialista di Repubblica – significa allontanarsi dall’interpretazione che Giorgia Meloni ha sempre fatto sua, fino alla recente visita in Usa. Insistere con l’argomento che «se tu fai una politica imperialista, gli altri si irrigidiscono», per cui «se avessimo fatto un’altra politica nei confronti della Russia, avremmo probabilmente evitato la guerra in Ucraina», significa mettersi sulla lunghezza d’onda di Orbán, non della Farnesina. Sarebbe interessante capire se Cirielli parlava dopo essersi consultato con la premier, perché lei si è sempre mossa su un altro piano. Solo un abbaglio? A meno che lei non voglia, per interposta persona, lasciare uno spiraglio aperto verso il fronte trumpiano e le manovre di Salvini in quella direzione. Un gioco pericoloso e forse perdente”.

MIELI: “CIRIELLI ABBRACCIA TESI ORSINI”. RIOTTA: “COME VICE DI TAJANI UN DISASTRO”

In radio e sui social non mancano i commenti di opinionisti e giornalisti. Paolo Mieli su Radio24 annota come Cirielli con le sue parole “abbraccia le tesi di Orsini più che di Meloni”.

Oscar Giannino: “Leggo che il viceministro degli Esteri italiano ritiene che la NATO è stata “aggressiva e imperialista” e la Russia in Ucraina, come la Cina e tutti gli Stati-canaglia che la sostengono, non fanno altro che reagire al nostro folle imperialismo. Sia pur violando il diritto internazionale. Il viceministro degli Esteri dell’Italia. Questi difensori di tiranni sanguinari fanno vomitare”.

Mentre per Gianni Riotta Cirielli potrebbe essere una “recluta perfetta per la lista di SantoroPcus, conduttore di talk show nostrani ad hoc in erba, ma come vice di Tajani e membro del governo Meloni un vero disastro”.

Leggi anche: Ecco come sulla casa Forza Italia e Lega si giocano le Europee (e FdI per ora sta a guardare)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top