skip to Main Content

Green Pass al supermercato per fare la spesa? Cosa ne pensano gli interessati

Green Pass Spesa Consumi

Fida Confcommercio: “Sì a Green Pass per chi lavora nei negozi, no per chi fa la spesa”

È il giorno del Green Pass. Il Consiglio dei Ministri dovrebbe finalmente stabilire, dopo l’interminabile discussione politica che ha tenuto banco dalla stretta operata in Francia da Emmanuel Macron, nuovi limiti alla libertà individuale di chi non si è vaccinato. Resta ancora da comprendere quali saranno e quale sarà la loro portata. Nelle ultime ore aveva preso corpo l’indiscrezione di rendere il patentino necessario perfino per fare la spesa e, più in generale, in tutti i luoghi pubblici con più di 50 persone alla volta.

Sulla questione è intervenuta la presidente di Fida Confcommercio (federazione dei dettaglianti alimentari e della Distribuzione organizzata), Donatella Prampolini. “Non mi scandalizzo – ha detto Prampolini commentando la proposta suggerita da Guido Rasi, ex direttore dell’Ema e consulente del commissario all’emergenza Coronavirus, Francesco Paolo Figliuolo, in merito all’obbligo di vaccino per chi svolge lavori a contatto con il pubblico – anzi sono favorevole all’obbligo del vaccino per il personale che lavora nei supermercati e nei negozi alimentari di prossimità”.

Secondo Prampolini, “chi è a contatto quotidianamente con le persone credo abbia come preciso dovere vaccinarsi, e se non ci arriva da solo è giusto che arrivi una direttiva dall’alto. Insomma per me sarebbe davvero opportuno l’obbligo del vaccino, al momento però i datori di lavoro non possono nemmeno sapere chi si è vaccinato né tantomeno obbligarlo, ma nelle attività essenziali come le nostre sarebbe da sciocchi non sfruttare l’opportunità delle vaccinazioni”.

Quanto all’ipotesi dell’adozione del Green pass nei supermercati ma anche nei negozi alimentari, Prampolini si è detta contraria. “Sarebbe impraticabile perché avendo attività essenziali non possiamo impedire a chi non è vaccinato o che non ha fatto un tampone nell’immediato, di entrare a fare la spesa per beni alimentari. Inoltre, diventerebbe impossibile controllare perché nei nostri punti vendita passano centinaia se non migliaia di persone al giorno – ha aggiunto – però in certi luoghi di aggregazione dove magari gli accessi sono più controllabili e la frequentazione è minore si può anche studiare ma è bene che siano le singole attività economiche a decidere”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore