Italia

Pd, ecco tempi e modi della scissione di Renzi

Renzi

Cosa vuol fare Renzi con il suo movimento. I dubbi nel Partito democratico e gli appelli ad evitare lo strappo

Mentre il governo Conte 2 muove i primi passi, tira aria di crisi all’interno di uno dei due alleati. Sarebbe ormai cosa fatta la scissione nel Partito Democratico con Matteo Renzi che avrebbe deciso di dar vita a un movimento di moderati capace di attrarre a sé anche parlamentari (ed elettori) di centrodestra.

Addirittura, secondo indiscrezioni di stampa, già nei prossimi giorni potrebbero nascere gruppi parlamentari autonomi alla Camera e un sottogruppo del Misto al Senato. Poi, alla Leopolda 10 – in programma a Firenze dal 18 al 20 ottobre – la consacrazione ufficiale.

COS’HA IN MENTE RENZI

Secondo un retroscena di Repubblica, l’idea di Renzi è appunto quella di creare un movimento — non un partito — di moderati che strizzi l’occhio a forzisti e anche a centristi di centrodestra e che sia una “terza colonna del Conte bis, in grado di conquistarsi spazi tra i moderati mentre il Pd consolida la sua vocazione di sinistra”.

Una scelta che verrebbe sconsigliata da Pier Ferdinando Casini, secondo cui questo terzo elemento sarebbe “un potenziale fattore di destabilizzazione” e “per un’esperienza che è appena partita non è il massimo”. Del resto l’ex rottamatore — che pure per il quotidiano diretto da Carlo Verdelli ha svolto un ruolo importante nel portare a Palazzo Chigi l’alleanza giallo-rossa — “vede i limiti di una simbiosi tra Pd e 5 Stelle, lo spostamento troppo a sinistra dell’asse. E punta a riequilibrarlo”.

Anche Lorenzo Guerini, neo ministro della Difesa, starebbe lavorando per scongiurare lo strappo — che però vede ormai come cosa fatta — e avrebbe detto a Renzi di non condividerlo.

C’è chi punta allora a proporre Maria Elena Boschi quale presidente del Pd, nel tentativo di fermare la scissione che però a qualcuno non suona così strana come Vasco Errani che avrebbe spiegato “ai suoi amici senatori”: “Noi di Leu rientriamo nel Pd e Renzi si fa una casa sua. Qual è il problema?”.

GLI APPELLI DAL PD

Intanto si moltiplicano gli inviti a non lasciare il partito. Ieri è stata la volta del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, che ha chiuso la riunione dell’area Dem a Cortona. “Il Pd è la casa di tutti, è casa tua, è casa nostra” è stato l’accorato messaggio a Renzi di Franceschini, uno dei principali artefici dell’avvicinamento e poi dell’alleanza di governo con il Movimento Cinque Stelle. E ancora: “Il popolo della Leopolda è parte del popolo del Pd, non separiamolo, non indeboliamoci spaccando il partito”.

C’è da dire che l’ex esponente della Margherita — come Renzi — non usa mezzi termini: “Questa storia è ridicola, quando rompi un partito è sempre traumatico, come si fa a pensare che sia una separazione consensuale?”. Inoltre, secondo il capo delegazione dell’area Dem, il rischio è che si frammenti pure il fronte anti-Salvini e che torni in auge quella destra dei pieni poteri, delle parole di violenza, omofobia, razzismo” che “solo un mese fa, quando sembrava si dovesse tornare al voto, era destinata a conquistare la maggioranza dei seggi e a insediarsi a Palazzo Chigi”.

In serata è stata poi la volta del segretario del Pd, Nicola Zingaretti, secondo cui la scissione sarebbe “un errore gravissimo che il Paese non capirebbe”. E invece “un Pd unito serve alla democrazia italiana e alla stabilità del governo”. Per Zingaretti — che ha “benedetto” la coalizione ideata tra Pd e M5S da Luigi Di Maio, pur inserita in una lista civica, per le regionali in Umbria del 27 ottobre — la crisi del Nazareno rappresenta anzi un’opportunità di crescita e ne può scaturire “un partito totalmente nuovo, che si rifonda”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore