skip to Main Content

Quanto ci costano le pensioni?

Pensioni Quota 100 Sistema Previdenziale

In Italia ci sono circa 16 milioni di pensionati, di cui 8,3 milioni donne e 7,7 uomini, ai quali sono stati destinati trattamenti per un importo lordo complessivo di 312 miliardi. L’INPS propone tre opzioni per andare in pensione prima: il ricalcolo tutto contributivo, la penalizzazione del 3% solo sulla quota retributiva, l’incasso in due tempi a distanza di quattro anni. Quanto costerebbero al Paese?

Dalla fotografia scattata dall’Inps si può notare che i trattamenti previdenziali assorbono il 92% della spesa, mentre quelli assistenziali (prestazioni agli invalidi civili e le pensioni e gli assegni sociali) il restante 8%. Complessivamente il costo per prestazioni previdenziali nel 2021 ha raggiunto i 312 miliardi. La voce che incide maggiormente sulle uscite è quella delle pensioni di anzianità/anticipate (il 56% del totale), seguita dalle pensioni di vecchiaia (il 18%) e dalle pensioni ai superstiti (14%). Le prestazioni agli invalidi civili rappresentano il 7% del totale e le altre due voci (pensioni di invalidità e pensioni e assegni sociali), rispettivamente, il 4% e il 2%.

Circa 16 milioni di pensionati, di cui 8,3 milioni donne e 7,7 uomini, ai quali sono stati destinati trattamenti per un importo lordo complessivo di 312 miliardi.

Dal rapporto annuale dell’Inps emerge che nel 2021 sono stati erogati 20,8 milioni trattamenti previdenziali mentre i pensionati hanno raggiunto quota 16 milioni (15,5 milioni quelli con pensione liquidata dall’Istituto). Pertanto, c’è una fetta non trascurabile di soggetti che riceve più di una prestazione (20% degli uomini e 33% delle donne).

IL SISTEMA REGGE?

Dal primo gennaio 2023 la possibilità di uscita sarà limitata ai requisiti ordinari introdotti dalla legge Fornero del 2012, mai cancellata. E quindi: a 67 anni con 20 di contributi (pensione di vecchiaia) o con 42 anni e 10 mesi di contributi (un anno in meno per le donne, pensione anticipata). Quota 100 è terminata il 31 dicembre 2021 (62+38). Quota 102 terminerà il 31 dicembre di quest’anno (64+38). L’INPS nel report ha calcolato il costo di tre possibili alternative.

L’opzione “al calcolo contributivo” (uscita con 64 anni d’età e almeno 35 di versamenti a condizione di aver maturato un trattamento pari 2,2 volte l’assegno sociale) impatterebbe sui conti pubblici per quasi 900 milioni il primo anno e arriverebbe ad assorbire quasi 3,8 miliardi nel 2029. L’uscita anticipata, sempre con 64 anni d’età e almeno 35 di contributi ma con un penalizzazione del 3% della pensione retributiva per ogni anno d’anticipo rispetto alla soglia di vecchiaia, costerebbe poco meno di un miliardo il primo anno e salirebbe fino a 5 miliardi nel 2029. Mentre con la cosiddetta “proposta Tridico” (anticipo della sola quota contributiva della pensione a 63 anni d’età e con 20 anni di contribuzione per poi recuperare la fetta retributiva al raggiungimento dei requisiti di vecchiaia) la spesa aggiuntiva si fermerebbe a 500 milioni il primo anno e supererebbe di poco i 2,5 miliardi nel 2029.

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore