Italia

Serve una cura shock: il taglio della pressione fiscale

Trump

L’esempio di Trump: ha tagliato le tasse e ha lanciato un mega piano di investimenti pubblici. L’intervento di Daniele Capezzone per Start Magazine

Molti analisti, anche di notoria e meritata autorevolezza, nell’esaminare il succedersi delle formule politiche alternatesi in Italia negli ultimi vent’anni (centrodestra a trazione berlusconiana; centrosinistra prodian-dalemiano; stagioni tecniche; centrosinistra renziano; primo esperimento gialloverde), hanno posto l’accento sulle differenze, sulle contrapposizioni, sulle faglie, sulle “rotture” che ogni diversa maggioranza ha effettivamente prodotto rispetto allo schema politico precedente. E naturalmente ci sono moltissime ragioni che militano a favore di questa chiave di lettura, basata sulle differenze.

Eppure, senza naturalmente pretendere di accomunare o sovrapporre fenomeni diversissimi, si può tentare anche l’operazione inversa: e cioè sottolineare alcuni elementi (ahinoi, non virtuosi) di continuità. Un filo – esile ma tenacissimo – che collega quelle stagioni, che le unisce, anziché contrapporle.

Per una ragione o per l’altra, infatti, tutti quei governi hanno ritenuto che non fosse praticabile una cura choc: un taglio non omeopatico della pressione fiscale (e più o meno correlati interventi su spesa e debito). Tutti hanno ritenuto – ciascuno a proprio modo – che fosse politicamente praticabile solo la gestione dell’esistente, un approccio conservativo, limitandosi a usare anno dopo anno i margini negoziati con Bruxelles, essenzialmente al fine di condurre in porto operazioni elettorali, manovra dopo manovra, di minore o maggiore successo.

Ognuno può dare la propria spiegazione: la durata breve dei governi (che fatalmente scoraggia operazioni di medio respiro, inevitabilmente impopolari all’inizio), la mancanza di profonde convinzioni riformatrici e liberali, l’oggettiva difficoltà di governare in questa fase storica. Tutto vero, per carità.

Ma il risultato è che – non solo oggi! – siamo prigionieri dello “zero virgola”, di una crescita stentata, di una perenne stagnazione. Se gli altri paesi occidentali corrono, noi camminiamo; se gli altri paesi occidentali decelerano, noi rallentiamo ancora di più.

Inutile girarci intorno. Questo stato di cose deriva per un verso da problemi domestici (tasse alte, spesa alta, debito alto), e per altro verso da un apparato di vincoli europei che sembrano concepiti per scoraggiare operazioni forti, per ricondurre la politica economica dei diversi stati membri a un pilota automatico rigidissimo.

E invece più che mai sarebbe necessaria una “cura Trump”. Piaccia o no, il presidente repubblicano, rompendo tutti gli schemi (anche di dottrina economica), ha realizzato un mega intervento per metà liberista (supertaglio di tasse e massiccia deregolamentazione) e per metà keynesiano (superpiano di investimenti), ottenendo risultati spettacolari: crescita alle soglie del 3%, disoccupazione ai minimi da 50 anni (sotto il 4%), con gara tra i diversi settori economici (anche a suon di aumento dei salari) per convincere i lavoratori a farsi assumere.

È bene sapere che quelle politiche trumpiane non sarebbero state autorizzate da Moscovici e Dombrovskis, dagli occhiuti guardiani dei parametri Ue. E già questo dice tutto sulla follia dell’Europa di oggi.

Servirebbe dunque – da tutte le parti: da chi è pro tempore in maggioranza e da chi è pro tempore all’opposizione – un supplemento di coraggio: una disponibilità a riforme coraggiose in casa, e contestualmente a una contestazione (razionale, non urlata, determinatissima) degli attuali parametri europei.

Sta qui il tragico elemento di continuità tra le diverse formule politiche ricordate: tutti hanno rinunciato sia alla prima che alla seconda partita, al di là delle parole, delle dichiarazioni d’intenti, delle cortine fumogene.

E si tratta di un errore anche dal punto di vista dei mercati: i quali sarebbero ben disposti a premiare un governo, di qualunque segno e colore, che avesse serie chance di produrre una crescita robusta, sostenuta e duratura.

Forse, pensando alla prossima manovra d’autunno, è questo il cuore della sfida. Hic Rhodus, hic salta.

Articolo pubblicato su Start Magazine n.2/2019

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore