Italia

Terna, chi è Giacomo Donnini nuovo responsabile di Strategie, sviluppo e dispacciamento

Terna

Avvicendamento all’interno di Terna. Dal 1° gennaio 2020 Giacomo Donnini sostituisce Luigi Michi, che va in pensione, nel ruolo di responsabile della struttura Strategie, sviluppo e dispacciamento.

Un passo in avanti per il manager che è arrivato in Terna lo scorso anno e che finora lavorava nella stessa struttura come responsabile della Pianificazione Rete e Interconnessioni.

CHI È DONNINI

Donnini, 50enne, si è laureato nel 2003 in Ingegneria meccanica all’università di Firenze e ha iniziato la sua attività professionale già prima di ottenere il titolo accademico nel gruppo Italcementi (1995-1996), in Enel (1996-2000) e in GE Oil & Gas (2000-2004). Nel 2004 è dunque approdato a Terna dove, fino al 2008, è stato responsabile Programmazione & Energy Operations. In seguito è passato in Ergy Capital (2008-2011) in qualità di Chief Financial Officer e in 9Ren Group (2011-2016) sempre come cfo. Nel 2018, infine, il ritorno in Terna come responsabile, nella struttura di Strategia, sviluppo e dispacciamento, della Pianificazione Rete e Interconnessioni. Gli altri manager dell’ambito sono Fabio Bulgarelli (Affari Regolatori), Enrico Maria Carlini (Dispacciamento e Conduzione), Luca Marchisio (Strategie di Sistema). Donnini vanta dunque una vasta esperienza nel settore energetico e ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità in ambito infrastrutture di rete, generazione tradizionale e rinnovabili, impianti di produzione oil&gas e stoccaggio gas.

CHI È L’EX RESPONSABILE DELLA STRUTTURA

Nato a Empoli nel 1958, Michi è ingegnere elettrotecnico ed è entrato in Terna nel 2014 dopo una lunga esperienza in Enel — come executive vice president, head of the energy management business area — dove è stato responsabile della gestione e del dispacciamento dell’intero portafoglio di generazione italiano e delle attività di trading di energia e commodity nei mercati europei. In precedenza Michi si è occupato anche di gestione e sviluppo di impianti rinnovabili mentre tra il 1984 e il 1987 ha lavorato per l’Eni dedicandosi alla progettazione delle centrali elettriche a turbogas e della gestione dei lavori. L’amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris, in una nota ufficiale ha ringraziato Michi “per il prezioso lavoro svolto in questi anni e per il significativo contributo dato all’azienda al fine di rafforzarne il ruolo di System Operator nel contesto della attuale transizione energetica”.

COSA FA TERNA

Terna è la società che gestisce la rete elettrica nazionale ed è uno dei più importanti operatori europei indipendente di reti per la trasmissione dell’energia. Principale proprietaria della rete di trasmissione italiana dell’elettricità in alta e altissima tensione e guidata dal presidente Catia Bastioli e dall’ad Luigi Ferraris, opera in regime di monopolio naturale e svolge una missione di servizio pubblico per la trasmissione e il dispacciamento dell’energia elettrica attraverso il Paese. Centrale anche il suo ruolo nella transizione energetica visto che il 35% del fabbisogno italiano è coperto da fonti rinnovabili. Quotata in Borsa dal 2004, attualmente gestisce 74.442 chilometri di linee in alta tensione, 4.252 dipendenti (dati al 31 dicembre scorso) e nel 2018 ha avuto ricavi per 2,2 miliardi di euro. Per il quinquennio 2019-2023 Terna prevede investimenti nelle attività regolate per 6,2 miliardi di euro.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore