Dal mondo

Come cambiano i rapporti tra Stati Uniti e Hong Kong

Trump

Firmata martedì la legge che elimina i privilegi fiscali di Hong Kong, seguita da una lettera che chiede al Congresso di dare asilo politico ai cittadini oppressi

“D’ora in poi Hong Kong sarà trattata allo stesso modo della Cina”, ha detto Trump il 14 luglio durante la conferenza stampa nel “Giardino delle rose” alla Casa Bianca, aggiungendo il suo tipico elenco di punti: “Nessun privilegio speciale, nessun trattamento economico speciale, nessuna esportazione di tecnologie sensibili”. Il presidente statunitense ha così posto fine al regime economico preferenziale concesso dagli Stati Uniti a Hong Kong. Come ha spiegato sulle pagine del Courrier International Noémie Taylor-Rosner, “questa decisione che rischia di avere gravi conseguenze per l’intera regione”, costituisce “un passo in avanti verso nella nuova guerra fredda”, ha preconizzato il New York Times. Con il passo annunciato martedì Trump ha quindi intensificato la pressione sulla Cina. L’inquilino della Casa Bianca ha decretato la fine del regime economico preferenziale concesso dagli Stati Uniti a Hong Kong approvando sanzioni contro la repressione posta in atto dal regime della Repubblica popolare. La reazione di Pechino non si è fatta attendere. Il giorno successivo, infatti, il governo cinese ha avvertito Washington che eventuali misure sanzionatorie sarebbero state seguite da provvedimenti speculari a danno di “entità e individui statunitensi”.

COSA CAMBIA PER HONG KONG

L’abolizione del regime preferenziale concesso dagli Stati Uniti a Hong Kong potrebbe sottoporre la regione amministrativa speciale alle stesse tariffe doganali imposte dall’amministrazione americana sulle esportazioni cinesi, nell’ambito della guerra commerciale che infuria tra Washington e Pechino, ha segnalato il South China Morning Post. “Sono coinvolti decine di miliardi di dollari di scambi commerciali annuali tra gli Stati Uniti e la Cina”, ha riportato la BBC. Hong Kong potrebbe vedere “eroso il suo status di centro finanziario”. L’Hong Kong Autonomy Act, approvato all’unanimità dal Congresso degli Stati Uniti e promulgato martedì da Trump, mira a penalizzare le banche che trattano con funzionari cinesi coinvolti nell’attuazione della nuova legge sulla sicurezza a Hong Kong. Le decisioni annunciate da Donald Trump potrebbero anche diventare un problema per le circa 1.300 aziende americane che operano a Hong Kong. Il New York Times ha già annunciato che una parte dello staff della sua sede di Hong Kong sarà trasferita a Seoul. Il quotidiano ha riferito che i suoi dipendenti hanno incontrato ostacoli nell’ottenere i permessi di lavoro. Il team di giornalisti responsabili della sua piattaforma digitale – circa un terzo dei suoi dipendenti a Hong Kong – si trasferirà quindi nella capitale sudcoreana. Hong Kong perderà il suo ruolo di centro dell’informazione in Asia.

LA LETTERA

20 ex alti funzionari diplomatici della difesa degli Stati Uniti hanno voluto compiere un altro passo in avanti, sollecitando il Congresso con una lettera per approvare una legge che dia ai residenti di Hong Kong asilo negli Stati Uniti. La lettera, ottenuta da Foreign Policy, riflette il crescente allarme per il destino di Hong Kong e di molti dei suoi attivisti democratici che hanno organizzato per mesi proteste contro la soppressione della libertà politica e delle libertà civili di Pechino. Il Regno Unito ha già offerto asilo a 3 milioni di residenti della sua ex colonia e sia gli alti legislatori australiani che canadesi hanno segnalato che vogliono che i loro Paesi facciano lo stesso. “Gli Stati Uniti devono lavorare a stretto contatto con i Paesi di tutto il mondo per sostenere la popolazione di Hong Kong che è minacciata da questa nuova legge”, si legge nella lettera. “La situazione a Hong Kong è urgente. Si tratta di fornire un sostegno tangibile alla popolazione di Hong Kong quando ne ha più bisogno”, ha detto Michael Fuchs, ex vicesegretario di stato aggiunto per gli affari dell’Asia orientale e del Pacifico durante l’amministrazione Obama, che ha aiutato a comporre la lettera. “È anche un tentativo di mostrare a Pechino che una Hong Kong sotto il controllo del Partito comunista cinese potrebbe non essere lo stesso vivace centro economico del passato”. La lettera, firmata, tra gli altri, da nove ex consoli generali degli Stati Uniti ad Hong Kong, esortava i legislatori ad approvare una serie di leggi che offrissero ai residenti di Hong Kong vie legali per fuggire dal territorio.

COME SI MUOVE IL CONGRESSO

L’Hong Kong Safe Harbor Act, sponsorizzato al Senato da Marco Rubio, un repubblicano della Florida, e Bob Menendez, un democratico del New Jersey, offrirebbe asilo ai residenti di Hong Kong e ai loro familiari ritenuti più a rischio di persecuzione dalle autorità cinesi, compresi i manifestanti e gli attivisti. Il loro numero non sarebbe limitato dall’attuale tetto massimo dell’amministrazione Trump sul numero di rifugiati ammessi negli Stati Uniti. L’Hong Kong People’s Freedom and Choice Act, introdotto alla Camera da Tom Malinowski, un democratico del New Jersey, e Adam Kinzinger, un repubblicano dell’Illinois, renderebbe più veloce l’immigrazione per i residenti di Hong Kong altamente qualificati che vogliono trasferirsi negli Stati Uniti. Inoltre, accelererebbe lo status di residenza per gli hongkonghesi che sono già fuggiti negli Stati Uniti, in violazione di una legge che l’amministrazione di George H. W. Bush ha usato per proteggere gli studenti cinesi dopo il massacro di Piazza Tienanmen nel 1989. “Facendo passare entrambe queste leggi, il Congresso dimostrerebbe che l’America è pronta ad aprire le sue porte non solo ad attivisti coraggiosi e manifestanti pacifici, ma anche ad altri hongkonghesi che Pechino teme di lasciare”, hanno scritto i firmatari della lettera. “La situazione a Hong Kong è urgente e richiede una risposta forte da parte degli Stati Uniti, saldamente radicata nei nostri valori e nella lunga storia di fornitura di un porto sicuro a coloro che fuggono dalla tirannia”. I progetti di legge hanno un sostegno bipartisan, ma secondo Foreign Policy non è certo che abbiano abbastanza voti per far passare entrambe le camere. Non è nemmeno chiaro se Trump, che ha fatto della limitazione dell’immigrazione legale e illegale il fulcro della sua amministrazione, sosterrà i progetti di legge.

GLI INTERESSI STATUNITENSI A HONG KONG

Il nuovo e duro approccio degli Stati Uniti su Hong Kong potrebbe finire per minare gli interessi americani nella regione, ha scritto il The Diplomat qualche settimana fa, spiegando in prospettiva storica i rapporti tra gli Stati Uniti e Hong Kong. Dalla prima guerra dell’oppio (1839-1842), dopo la quale la corte dei Qing fu costretta a cedere Hong Kong agli inglesi, allo scoppio della Seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti non hanno mai contestato la legittimità dell’occupazione coloniale britannica di Hong Kong. Solo alla Conferenza del Cairo del 22-26 novembre 1943, quando la Seconda guerra mondiale stava per finire, il presidente degli Stati Uniti Roosevelt sostenne il ritorno di Hong Kong, allora sotto l’occupazione giapponese, in Cina. Gli americani avevano due ragioni: la prima, una considerazione ideologica della decolonizzazione mondiale; la seconda, una considerazione pragmatica di come sarebbe stato l’ordine mondiale del dopoguerra. Tuttavia, la vittoria dei comunisti nella Cina continentale ha causato un cambiamento sottile ma profondo nell’atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti di Hong Kong e questa città è diventata un avamposto politico e ideologico indispensabile in estremo oriente durante la maggior parte della Guerra fredda. Hong Kong è stata anche un importante centro di trasferimento di attrezzature militari per le forze statunitensi durante la guerra del Vietnam.

IL TERZO CENTRO FINANZIARIO DEL MONDO

La crescita economica di Hong Kong a partire dagli anni ’60 ha anche reso gli Stati Uniti consapevoli del valore economico e anche “psicologico” di Hong Kong, soprattutto quando la Cina continentale era ancora impantanata in un’economia in ritardo di sviluppo e presa dal caos politico nazionale. Al momento della creazione della Camera di Commercio Americana a Hong Kong nel 1969, centinaia di imprese americane si erano già riversate a Hong Kong. Alla fine degli anni ’70, quando Hong Kong divenne il terzo centro finanziario più grande del mondo dopo Londra e New York, gli Stati Uniti erano stati il più grande partner commerciale di Hong Kong da quasi due decenni. Durante lo stesso periodo, mentre completava la trasformazione della sua economia e dell’industria manifatturiera, Hong Kong ha svolto un ruolo significativo come centro commerciale di riesportazione negli scambi economici sino-americani. Molte imprese statunitensi consideravano Hong Kong anche come una finestra attraverso la quale raggiungere ed esplorare l’enorme mercato della Cina continentale, che stava rapidamente emergendo. Nonostante una sequenza di cambiamenti e crisi globali e regionali che hanno inevitabilmente influenzato Hong Kong, secondo i dati del Dipartimento di Stato americano ci sono ora più di 1.300 aziende statunitensi, tra cui 726 operazioni regionali, e circa 85.000 residenti americani a Hong Kong. In realtà, sono le relazioni sino-americane a costituire il quadro inevitabile per osservare le relazioni tra gli Stati Uniti e Hong Kong, una colonia sotto il dominio britannico prima del 1997 e una regione amministrativa speciale sotto la giurisdizione del governo centrale cinese dopo il 1997. Per la maggior parte della storia delle relazioni diplomatiche tra Cina e Stati Uniti, la politica statunitense su Hong Kong è rimasta relativamente stabile. Lo “United States-Hong Kong Policy Act” del 1992, ad esempio, ha trovato un delicato equilibrio tra gli interessi della Cina (continentale), di Hong Kong e degli Stati Uniti. Ecco perché è rimasto un documento fondamentale per guidare le politiche statunitensi su Hong Kong per oltre due decenni. Almeno finora.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore