skip to Main Content

Corea del Nord, cosa succederà a Kim Jong-un con l’arrivo di Biden alla Casa Bianca

Vice Kim-jong-un

Nelle ultime settimane si è speculato molto sulle conseguenze di una presidenza Biden per le relazioni degli Stati Uniti con i Paesi dell’Asia orientale. La scelta di Anthony Blinken come Segretario di Stato suggerisce un approccio più pragmatico e meno “esibizionista”, anche verso la Corea del Nord, che attende con ansia di capire quale sarà la prossima mossa americana. L’articolo di Natasha Colombo

Sulla penisola coreana l’alleanza tra Corea del Nord e Cina sembra sempre solida, nonostante alcuni momenti di tensione tra il 2012 e il 2014. In seguito all’imposizione di nuove sanzioni dell’ONU nel 2016, la Cina è rimasta l’unico Paese a sostenere direttamente Pyongyang e ora il regime di Kim Jong-un sembra essere diventato esponenzialmente sempre più dipendente da Pechino sotto il punto di vista economico, commerciale e alimentare.

Tale dipendenza raggiungerebbe un ulteriore picco se la Cina fornisse il vaccino contro la Covid-19 alla Corea del Nord, cosa che – secondo alcune voci di intelligence non confermate – sarebbe già avvenuta per la famiglia Kim. Negli ultimi giorni è emersa invece la possibilità, sostenuta da fonti di intelligence sudcoreane e cinesi, che la Corea del Nord abbia invece acquistato un lotto di vaccino Sputnik V dalla Russia e abbia già vaccinato molti dei principali funzionari del regime. Al momento comunque le misure anti-pandemia di Pyongyang sono state inasprite, così da mantenere il suo status ufficiale di “zero casi”.

Le relazioni tra USA e Corea del Sud sembrano invece essere sempre meno chiare, con bassi livelli di comprensione su quello che entrambi i Paesi effettivamente vogliono, considerando che all’interno della popolazione sudcoreana esiste comunque una fetta sorprendentemente ampia che desidera allontanarsi del tutto dall’influenza americana. Un’ultima visita di Biegun, inviato speciale USA per la Corea del Nord, a Seul è avvenuta tra l’8 e l’11 dicembre. Biegun ha avuto l’occasione di discutere per l’ennesima volta la questione della denuclearizzazione della Corea del Nord, promettendo che il dialogo di Washington con Pyongyang rimarrà aperto in futuro.

GLI USA DI BIDEN IN COREA

Come già detto le speculazioni su quella che sarà la politica di Biden sulla penisola rimangono tali. Per ora si fanno solo previsioni, ma si attende con ansia di conoscere le nomine di Biden per la regione asiatica, prima indicazione dell’indirizzo delle sue politiche. Nel caso della penisola coreana, c’è chi sostiene che sia assolutamente necessario che la nuova Amministrazione americana invii il prima possibile un chiaro messaggio sulla sua posizione nei confronti della Corea del Nord.

Una buona idea potrebbe essere ricorrere a negoziati di carattere operativo per riprendere la discussione sul nucleare, come proposto da Andrew Kim, ex capo della missione in Corea della CIA. Secondo lui il Nord è in attesa di vedere cosa farà e dirà la nuova Amministrazione democratica. Nulla è ancora stato chiaramente definito, quindi gennaio e febbraio saranno mesi importanti per vedere come verrà delineata la politica americana per la penisola.

RELAZIONI INTER-COREANE

Intanto il Ministro dell’Unificazione sudcoreano Lee In-young ha promesso collaborazione e supporto alle agenzie di cooperazione e di assistenza umanitaria in Corea del Nord, commentando anche positivamente la recente decisione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU in merito all’estensione del periodo di esenzione dalle sanzioni per gli aiuti umanitari verso il Paese.

Il Ministro ha anche rinnovato la speranza che il Governo nordcoreano non vada a provocare volontariamente la futura Amministrazione Biden e ha ricordato l’importanza del rispetto degli accordi inter-coreani del 2018. Lee è speranzoso riguardo alla flessibilità delle politiche della nuova Amministrazione americana, vedendo questo come un momento chiave per iniziare nuovamente il processo di pace sulla penisola e riaprire il discorso denuclearizzazione.

Il punto su cui sembrano essere d’accordo sia Nord che Sud (tralasciando le ultime dichiarazioni provocatorie di Kim Yo-Jong) è però l’importanza della ripresa delle relazioni inter-coreane, anche, e forse soprattutto, senza l’intermediazione del Governo americano e senza dipendere troppo da attori terzi.

Articolo pubblicato su ilcaffegeopolitico.net

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore