skip to Main Content

Cos’è la direttiva europea sulla protezione temporanea degli sfollati

Protezione Temporanea Sfollati Profughi Ucraina Piano Ue Profughi

Secondo le stime dell’Unhcr, ogni giorno centomila profughi lasciano l’Ucraina e la diaspora potrebbe riguardare tra i 3 e i 7 milioni di persone. L’Ue corre ai ripari attivando la direttiva europea sulla protezione temporanea degli sfollati

Per la prima volta da quando è stata faticosamente siglata, si applicherà la direttiva europea per la “Protezione temporanea in caso di afflusso massiccio di sfollati”. L’accordo è rimasto in bilico fino all’ultimo a causa delle resistenze di alcuni Paesi, in particolare della Polonia, contrari a includere nel testo anche i cittadini non ucraini in fuga dal Paese in guerra. Ma sarebbe stato impossibile fare disperati di serie A e di serie B.

A COSA SERVE LA DIRETTIVA SULLA PROTEZIONE TEMPORANEA DEGLI SFOLLATI

L’obiettivo è dare una pronta risposta comune e comunitaria all’emergenza umanitaria in atto, garantendo agli ucraini in fuga, di fatto soggetti extracomunitari, di soggiornare nell’Ue per un periodo di un anno, rinnovabile a due, evitando loro di dover attivare onerose procedure di asilo dopo i 90 giorni di soggiorno senza visto.

La direttiva europea per la “Protezione temporanea in caso di afflusso massiccio di sfollati” risale al 2001 ma, visto che l’Ue in tema migranti è sempre stata divisa (la Danimarca deve ancora recepirla), finora non era mai stata applicata. Introduce una protezione immediata e temporanea senza imporre alcuna distribuzione obbligatoria dei richiedenti asilo nei Paesi dell’Unione.

 

I Paesi dell’Unione europea devono fornire a chi ha ottenuto protezione temporanea un titolo di soggiorno, valido per tutta la durata della protezione. Le persone che godono di protezione temporanea devono poter esercitare attività di lavoro subordinato o autonomo; accedere all’istruzione per adulti, alla formazione professionale e a esperienze di lavoro, ottenere un alloggio, avere accesso all’assistenza sociale, sostegno economico e cure mediche.

I minori acquisiscono il diritto ad accedere all’istruzione alle stesse condizioni dei cittadini del Paese ospitante. Se alcuni membri della stessa famiglia hanno ottenuto protezione temporanea in diversi Paesi dell’Ue, o se alcuni membri della famiglia non sono ancora nell’Ue, scatta il diritto al ricongiungimento nello stesso Paese dell’Ue

Secondo le stime dell’Unhcr, i profughi stanno lasciando l’Ucraina a un ritmo di centomila al giorno. Almeno 400mila bambini sono già stati costretti a fuggire dall’inizio del conflitto e cercare salvezza altrove e sono esposti al rischio di fame, malattie, traffico e abusi, dopo che il numero di persone costrette a fuggire dall’operazione militare russa in Ucraina ha raggiunto il milione. Secondo Save the Children almeno il 40% dei profughi che hanno raggiunto Romania, Polonia, Moldavia, Ungheria, Slovacchia e Lituania, per mettersi in salvo è costituito da bambini, e c’è chi tra loro non ha altro che i pochi vestiti che indossa.

PUTIN: UCRAINI IMPEDISCONO CORRIDOI UMANITARI SICURI

In totale, compresi gli adulti, potrebbero fuggire dal Paese verso l’Europa tra i 3 e i 7 milioni di persone. Sempre che reggano i corridoi umanitari. “I nostri militari forniscono corridoi sicuri per i civili”, ma “i neonazisti ucraini lo impediscono e stanno trattando i civili come scudi umani”, ha detto il presidente russo, Vladimir Putin, lasciando intendere che potrebbero verificarsi incidenti e vittime tra i civili dei quali non dovrà essere però ritenuto responsabile (sarebbe anche un reato perseguibile dalla Corte Penale Internazionale dell’Aja).

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore