skip to Main Content

Gli intrecci regionali della guerra in Nagorno-Karabakh

Erdogan Dittatore

Tra gli Stati coinvolti nel conflitto, oltre ad Armenia, Azerbaigian, Turchia e Russia, ci sono anche Georgia e Iran. L’analisi di Giuseppe Mancini

La guerra di 44 giorni tra Armenia e Azerbaigian, per il controllo del Nagorno-Karabakh, non solo ha cambiato gli equilibri tra azeri vittoriosi e armeni sconfitti ma ha paradossalmente determinato nuove prospettive di cooperazione regionale.

A uscire vincitrici dal conflitto sono state anche la Russia e la Turchia: la prima è intervenuta per imporre la fine delle ostilità e ha ottenuto la presenza di proprie truppe in alcuni dei territori contesi; la seconda ha sostenuto una nazione amica – politicamente, ma anche militarmente – e poi trasformato il successo sul campo in dividendi diplomatici.

La proposta è venuta dal presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, che ha incontrato il suo omologo azero Ilham Aliyev – il 10 dicembre, a Baku – in occasione della “parata della vittoria”: un raggruppamento regionale a sei, che non solo porti a una soluzione definitiva per il Nagorno-Karabakh ma crei anche forme di cooperazione economica.

Gli stati coinvolti, oltre ad Armenia e Azerbaigian, oltre a Turchia e Russia, sarebbero Georgia e Iran: tutti con confini in comune tra loro. Parlando con la stampa turca durante il viaggio di ritorno, Erdoğan ha assicurato di avere l’approvazione di Vladimir Putin; le diplomazie approfondiranno.

La proposta turca è ovviamente condivisa da Aliyev: perché l’obiettivo comune, attraverso questa nuova formula regionale, è il superamento del cosiddetto “gruppo di Minsk”, guidato invece – in seno all’Osce – da Russia, Usa e Francia (quest’ultima giudicata troppo filo-armena) e inefficace nel trovare soluzioni mutualmente accettabili per la sistemazione del Nagorno-Karabakh attraverso i negoziati degli ultimi 30 anni o quasi.

Del resto, le iniziative regionali non sono nuove per la Turchia: che subito prima delle “primavere arabe”, all’apice della sua influenza come Stato musulmano e democratico nel 2009-2010, aveva avviato la costituzione di un gruppo a quattro insieme a Siria, Libano e Giordania con l’obiettivo di favorire la cooperazione e lo sviluppo del Levante e poi di tutto il Medio Oriente. Il progetto è fallito per cause contingenti, ma l’approccio è rimasto vivo.

Questo approccio regionalista, nel caso del Caucaso, ha anche risvolti direttamente bilaterali: perché Erdoğan ha avanzato l’ulteriore proposta – nel contesto di questa iniziativa di pace e di cooperazione – di riaprire il confine turco-armeno, chiuso dal 1993 proprio al momento della prima guerra per il Nagorno-Karabakh. Un’iniziativa precedente per riaprirlo, coi protocolli di Zurigo del 2009, è fallita per la persistenza del conflitto tra Armenia e Azerbaigian: la liberazione di alcuni dei territori azeri sotto occupazione armena – è questo, il paradosso – potrebbe rimuovere uno degli ostacoli principali alla normalizzazione (rimarrebbe però l’ostilità storica provocata dagli eventi del 1915 in Anatolia, che l’Armenia ritiene un “genocidio” e la Turchia interpreta in modo diverso).

Yerevan, per il presidente turco, avrebbe così nuove opportunità di sviluppo: perché al momento è invece tagliata fuori da tutte le infrastrutture energetiche e di trasporto eurasiatiche, come il gasdotto Tanap e le nuove vie della Seta (il collegamento ferroviario tra Kars e Baku passa infatti per Tbilisi). Del resto, Turchia e Azerbaigian hanno immediatamente iniziato la ricostruzione dei territori del Nagorno-Karabakh riconquistati – l’Ansaldo energia ha già firmato un accordo per la ricostruzione di centrali elettriche – e avviato altri progetti infrastrutturali nel corridoio del Nakhchivan.

Riguardo questo corridoio, la sua funzione è di creare un collegamento tra l’Azerbaigian e questa regione azera interamente inglobati dal territorio armeno; visto che ha un brevissimo tratto di confine – appena 17 chilometri – col Nakhchivan, anche la Turchia ha di conseguenza un accesso diretto al territorio azero. In questo contesto, i progetti annunciati sono un gasdotto e un collegamento ferroviario dal territorio turco. L’Armenia è chiamata a rispondere, dopo che avrà assorbito le conseguenze politiche della sconfitta militare.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore