skip to Main Content

L’accelerazione green di Biden che piace alla lobby dell’auto

Biden Auto

Biden vuole auto blu ‘green’. Il governo possiede più di 650.000 veicoli e ne acquista circa 50.000 all’anno

Il governo degli Stati Uniti prevede di porre fine agli acquisti di veicoli alimentati a gas entro il 2035: è quanto richiesto dall’ordine esecutivo firmato dall’attuale inquilino della Casa Bianca, Joe Biden, nel tentativo di ridurre le emissioni di gas climalteranti nell’atmosfera e promuovere le auto elettriche.

L’Alliance for Automotive Innovation, gruppo commerciale che rappresenta General Motors Co (GM.N), Toyota Motor Corp (7203.T), Volkswagen AG (VOWG_p.DE) e altri, si è subito schierata a favore di una simile accelerazione, che pareva impensabile solo pochi mesi fa, quando allo studio ovale sedeva Donald Trump.

Promozione a pieni voti anche dall’amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, secondo cui l’accelerazione green di Biden “è un passo importante verso la realizzazione di una rete senza emissioni di carbonio”.

Più scettico il presidente della United Auto Workers, Ray Curry, secondo cui Biden ha ragione nel voler prendere di petto la questione delle emissioni di carbonio, ma la creazione di posti di lavoro di alta qualità dovrebbe essere una priorità per la sua amministrazione.

Di contro, gli scienziati ritengono che non sia ancora abbastanza. Dan Becker, direttore della campagna Safe Climate Transport presso il Center for Biological Diversity, ha affermato che Biden dovrebbe muoversi più velocemente. “Aspettare 14 anni è un tempo terribilmente lungo in cui abbiamo già alcuni veicoli elettrici e le aziende stanno cercando di decidere ora se fare solo promesse o effettivamente realizzare veicoli elettrici.

La nuova politica prevede deroghe residue per ciò che concerne i veicoli militari e spaziali. Il governo possiede più di 650.000 veicoli e ne acquista circa 50.000 all’anno. Nel 2020, la Casa Bianca ha speso 4,2 miliardi di dollari per la manutenzione dei propri veicoli federali, inclusi 730 milioni di dollari per il carburante. Ora, tutti i veicoli leggeri acquisiti dal governo dovranno essere a zero emissioni entro il 2027. In questo modo il governo federale potrebbe ridurre le emissioni di cui è responsabile il proprio parco mezzi del 65% entro il 2030.

Inoltre, sempre secondo quanto disposto da Biden, il governo cercherà di consumare elettricità solo da fonti prive di carbonio e non inquinanti su base annuale entro il 2030 e di avere emissioni nette pari a zero entro il 2050. Lo scorso gennaio, Biden aveva promesso di sostituire la flotta di auto a disposizione del governo degli Stati Uniti con modelli elettrici. Solo lo 0,5% dei 657.000 veicoli del governo è elettrico nel 2020.

Biden vuole che il Congresso approvi fino a 12.500 dollari in crediti d’imposta per gli acquisti di veicoli elettrici, inclusi 4.500 per gli acquirenti di veicoli elettrici prodotti dai sindacati, ma questo incontra la resistenza delle case automobilistiche straniere.

Già ad agosto, Biden aveva lanciato un piano non vincolante per rendere elettrica la metà di tutti i nuovi veicoli statunitensi nel 2030. Ciò includeva modelli ibridi plug-in che hanno anche motori a benzina. L’obiettivo del 50% ha ottenuto il sostegno delle case automobilistiche statunitensi e straniere, che hanno affermato che per raggiungerlo sarebbero necessari miliardi di dollari in finanziamenti governativi.

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore