skip to Main Content

Non solo Raisi. Chi sono i leader mondiali coinvolti in incidenti aerei

Raisi

Dal premier portoghese nel 1980 a quello polacco nel 2010, ecco i presidenti o ministri che – come il presidente iraniano Raisi – negli ultimi decenni sono stati coinvolti in disastri aerei

Gli incidenti aerei non sono una novità. Quello nel quale potrebbe aver perso la vita il presidente iraniano, Ebrahim Raisi, e il ministro degli esteri Amir-Abdollahian è ultimo di una lunga serie di disastri aerei, accidentali o provocati da atti di terrorismo. E che nel corso degli anni hanno coinvolto presidenti o ministri, che includono un ministro iraniano morto nel 2001, quello ai trasporti, e due ex presidenti, sopravvissuti a incidenti di elicottero: il primo presidente dell’era khomeinista, Abolhassan Banisadr, coinvolto in due episodi nell’arco di neanche due mesi nell’estate del 1980 al confine con l’Iraq, e Mahmud Ahmadinejad, reduce da un atterraggio d’emergenza nel giugno del 2013.

L’ELENCO DEI CASI DI INCIDENTI AEREI IN CUI SONO RIMASTI COINVOLTI PRESIDENTI O MINISTRI

Ecco un elenco di casi, come riportato dall’Ansa, che hanno coinvolto presidenti o ministri:

– 4 dicembre 1980: Francisco Sa’ Carneiro, primo ministro portoghese, e il suo ministro della difesa Amaro Da Costa, muoiono nell’ aereo presidenziale che precipita nei pressi di Lisbona. Inizialmente viene considerato un incidente, ma si tratta probabilmente di un attentato.

– 24 maggio 1981: Jaime Roldos, presidente dell’Ecuador, la moglie e alcuni ministri muoiono in una sciagura aerea a Quito.

– 19 ottobre 1986: l’aereo del presidente del Mozambico Moses Samora Machel viene abbattuto da un missile mentre sorvola il Sudafrica. Muoiono anche il ministro dei Trasporti e Telecomunicazioni mozambicano, Luis Alcantara Santos, e il ministro della Difesa, generale Alberto Chipande.

– 17 agosto 1988: il presidente pachistano Zia Ul Haq muore nell’esplosione dell’Hercules C-130 sul quale viaggia con l’ambasciatore Usa, Arnold Raphael, e altre 37 persone.

– 5 maggio 1989: il ministro della Difesa iracheno, gen Adnan Khairallah, muore in un incidente aereo: il suo elicottero, in volo tra Mosul e Baghdad, cade durante una tempesta di sabbia.

– 23 settembre 1989: un aereo da turismo cade nel fiume Paranà in Argentina. Muore il ministro della Sanità Julio Corzo.

– 7 maggio 1994: un aereo precipita a Kinshasa (Zaire) poco prima dell’atterraggio. Nell’ incidente muore il ministro degli Esteri zairese Mpinga Kassenda.

– 6 aprile 1994: un missile abbatte in fase di atterraggio l’aereo su cui viaggiano il presidente della Repubblica del Ruanda Juvenal Habyarimana e quello del Burundi Cyprien Ntaryamira, insieme con due ministri e altri 8 passeggeri. L’episodio dà inizio alla guerra civile e al genocidio dei Tutsi.

– 3 aprile 1996: il segretario al Commercio Usa, Ron Brown, muore con altre 34 persone, in un aereo T43 che precipita nel mar Adriatico poco prima dell’atterraggio a Dubrovnik, in Croazia.

DAI PRIMI ANNI DUEMILA AD OGGI

– 17 maggio 2001: in Iran un aereo con a bordo il ministro dei trasporti Rahman Dadman precipita a nord di Kashmar, nella provincia del Khorasan. Il ministro muore.

– 3 marzo 2002: il presidente del Parlamento indiano, M. G. Balayogi, muore in un elicottero che precipita nello stato meridionale indiano dell’Andhra Pradesh.

– 1 marzo 2004: il presidente della Macedonia, Boris Trajkovski e quattro collaboratori muoiono in uno schianto aereo durante l’atterraggio a Mostar, in Bosnia.

– 1 agosto 2005: in un incidente d’elicottero muore il vicepresidente del Sudan, l’ex leader della guerriglia sudista John Garang, di ritorno dall’Uganda.

– 26 ottobre 2006: in un incidente a un aereo di linea della compagnia privata Adc presso Abuja (Nigeria) muore il sultano del califfato di Sokoto.

– 10 aprile 2010: il Tupolev Tu-154 sul quale viaggia il presidente polacco Lech Kaczyński con la moglie e il suo staff si schianta al suolo in fase di atterraggio nella base aerea russa di Smolensk. Kaczyński si stava recando a una cerimonia di commemorazione delle vittime del massacro di Katyn’.  Si presume che le cause dell’incidente siano la fitta nebbia e una manovra errata del pilota.

Leggi anche: Ebrahim Raisi, chi è il presidente iraniano coinvolto in un incidente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top