skip to Main Content

La morsa della Cina su Taiwan passa dai vaccini

Vaccini Cina

La presidente Tsai Ing-wen su Facebook: «Il governo di Taiwan era vicino a concludere un contratto con BioNTech ma a un certo punto è stato rinviato tutto a causa dell’intervento della Cina». La replica di Pechino: «Non la riconosciamo come presidente, è solo la rappresentante di una nostra regione»

Sale la tensione tra Taiwan e la Cina dopo l’accusa, da parte di Taipei, di aver sabotato i suoi tentativi di acquisto del vaccino contro il Covid-19 sviluppato da Pfizer-BioNTech, di cui aveva definito un accordo quadro a dicembre con la società tedesca per 5 milioni di dosi totali.

In maniera irrituale e con ben poca diplomazia, la presidente Tsai Ing-wen ha scritto sul proprio canale Facebook: «Eravamo vicini a concludere un contratto con il produttore tedesco (BioNTech, ndr), ma a un certo punto è stato rinviato tutto a causa dell’intervento della Cina». Già a febbraio il ministro della Salute Chen Shih-chung aveva fatto intendere che dietro alla vicenda ci fosse Pechino.

La presidente Tsai Ing-wen

BioNTech ha ceduto alla cinese Shanghai Fosun Pharmaceutical Group i diritti per lo sviluppo e la distribuzione del vaccino non solo in Cina, ma anche a Hong Kong, Macao e Taiwan. Per la licenza, l’azienda tedesca ha ricevuto 85 milioni di dollari, mentre Fosun si è impegnata anche a investire 50 milioni di dollari per entrare nel capitale della società tedesca.

Attualmente, Taipei è alle prese con una nuova ondata di contagi, saliti in pochi giorni da poco più di 1.200 a 6.000 (con i morti da 12 a 46). Ma l’amministrazione Tsai ha vaccinato solo l’1% della popolazione di 23 milioni di persone: l’isola ha acquistato 14,7 milioni di dosi del siero di AstraZeneca e 5 milioni di Moderna, ma finora ne ha avuti soltanto 726mila.

Non potendo contare sulle forniture bloccate dalla Cina, Taiwan confida di preparare un vaccino anti-Covid di sviluppo e produzione locale, ma se tutto va bene entrerà in distribuzione soltanto tra due mesi, a fine luglio. Taipei ha insistito di voler trattare solo con la compagnia tedesca. «Solo acquistando i vaccini dal produttore originale possiamo ottenere dirette garanzie sulla qualità e la sicurezza evitando i doppi rischi di azioni legali e problemi politici», ha notato ancora Tsai. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha replicato che «l’accesso di Taiwan ai vaccini dalla Cina è privo di ostacoli», senza aggiungere dettagli, e ha attaccato Tsai. «Non riconosciamo questa cosiddetta presidente, lei è solo la rappresentante di una regione della Cina», ha sferzato.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore