skip to Main Content

Perché per gli USA i viaggi in Italia sono allarme livello 4

Livello 4

Gli States hanno indicato il nostro Paese a livello 4 di rischio sconsigliando viaggi ai propri cittadini. Di norma il principale motivo di quella fascia tanto elevata è il terrorismo

Italy – Level 4: Do Not Travel. I cittadini USA che si informano tramite i siti governativi sulla pericolosità dei viaggi nel nostro Paese trovano questa scritta allarmante che campeggia su un altrettanto allarmante fondale rosso. Segue: “Do not travel to Italy due to COVID-19. Exercise increased caution due to terrorism”. Terrorismo? Sanno forse qualcosa che a noi ancora sfugge?

PER QUALE MOTIVO SIAMO LIVELLO 4?

Interpellata sul punto, l’ambasciata degli Stati Uniti a Roma precisa il ‘Travel Advisory‘ datato 20 aprile, dal quale emerge un Livello 4 di pericolo non solo per il rischio di contagio da Coronavirus, ma anche per ragioni di “terrorismo” prova a fare chiarezza. In una dichiarazione pubblicata sul sito dell’ambasciata si legge che “l’Italia è a livello 2 per il terrorismo, insieme a gran parte dei Paesi dell’Europa occidentale, da quando il dipartimento di Stato ha implementato nel gennaio del 2018 il nuovo sistema di allerta viaggi”.

Leggi anche: Chi è Luigi De Leverano, stratega militare di Draghi a Palazzo Chigi

“A seguito di questo recente aggiornamento delle allerta viaggi del dipartimento di Stato – prosegue la nota – circa l’80% dei Paesi in tutto il mondo ha un’allerta viaggio di Livello 4: Non effettuare viaggi”. Questo aggiornamento, precisa ancora l’ambasciata, “riflette al meglio l’attuale e imprevedibile minaccia, in continua evoluzione, rappresentata dal Covid-19”.

COSA DICONO GLI USA SUL TERRORISMO IN ITALIA

Eppure, sempre nel Travel Advisory pubblicato 72 ore fa si legge: “L’Italia ha un rischio di vecchia data rappresentato da gruppi terroristici, che continuano a tramare possibili attacchi in Italia. I terroristi possono attaccare con poco o nessun preavviso, prendendo di mira località turistiche, snodi di trasporto, mercati / centri commerciali, strutture governative locali, hotel, club, ristoranti, luoghi di culto, parchi, grandi eventi sportivi e culturali, istituzioni educative, aeroporti e altro aree pubbliche”.

Leggi anche: A proposito di Joe. Intervista all’ambasciatore Giovanni Castellaneta

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore