Dal mondo

Politica estera. Gli appuntamenti di questa settimana (12-18 ottobre)

politica estera
lagos, nigeria

Gli appuntamenti di politica estera di questa settimana secondo Foreign Policy: elezioni in Nuova Zelanda, Bolivia e Guinea. Negoziati Brexit, insediamenti in Cisgiordania, voli per Cuba e riunione OMC. Poi i dossier Corea del Nord, Iran-Iraq, Nagorno-Karabakh e Nigeria

12 ottobre. Iniziano le udienze di conferma per la candidata alla Corte Suprema degli Stati Uniti Amy Coney Barrett.

13-14 ottobre. Si riunisce il massimo consiglio decisionale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio.

13 ottobre. Entra in vigore il divieto per gli Stati Uniti di voli charter privati verso Cuba.

14-15 ottobre. Un organismo israeliano dovrebbe approvare una serie di nuovi insediamenti in Cisgiordania.

15-16 ottobre. I leader UE si riuniscono per discutere lo stato dei negoziati con il Regno Unito per la Brexit.

17 ottobre. Si svolgono le elezioni generali in Nuova Zelanda.

18 ottobre. Si svolgono le elezioni presidenziali in Bolivia.

18 ottobre. Si svolgono le elezioni presidenziali in Guinea.

DOSSIER COREA DEL NORD: LE NUOVE ARMI

Nuove armi per la Corea del Nord. La Corea del Nord ha attirato l’attenzione internazionale dopo aver svelato quella che sembrava essere una nuova gamma di armi, tra cui un grande missile balistico intercontinentale, durante una parata militare che sabato ha celebrato il 75° anniversario della fondazione del Partito dei lavoratori al governo del Paese. L’esposizione di armi ha causato immediata preoccupazione in Corea del Sud. I funzionari hanno convocato una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza nazionale domenica, durante la quale hanno deciso di continuare ad analizzare lo sviluppo delle armi della Corea del Nord e di rivedere le capacità di difesa della Corea del Sud. Il ministero degli Esteri della Corea del Sud ha esortato Pyongyang a riprendere i colloqui per ridurre le tensioni nella penisola. Come ha scritto Morten Soendergaard Larsen, le armi sono servite come “un segnale a Washington che il regime si è impegnato a far avanzare le sue capacità di attacco a lungo raggio, nonostante gli anni di contatti diplomatici con gli Stati Uniti”.

DOSSIER IRAN-IRAQ: COSA FANNO GLI STATI UNITI

Le milizie sostenute dall’Iran chiedono il ritiro degli Stati Uniti Dall’Iraq. Domenica, la Commissione di coordinamento della resistenza irachena, un’organizzazione ombrello composta da diverse milizie iraniane in Iraq, ha accettato un cessate il fuoco contro il personale statunitense a condizione che Washington ritiri completamente le sue truppe dall’Iraq. Dall’assassinio del maggior generale iraniano Qassem Suleimani a gennaio, gli Stati Uniti sono stati sottoposti a forti pressioni per ridurre la loro presenza nel Paese. Da allora le forze statunitensi hanno trasferito diverse basi al personale iracheno e hanno promesso di ridurre la presenza delle truppe statunitensi nel Paese a 3.000 unità. Il trasferimento avviene in un clima di forte tensione tra gli Stati Uniti e il governo iracheno, dopo che il mese scorso il presidente americano Donald Trump ha minacciato di chiudere l’ambasciata americana a Baghdad in risposta agli attacchi contro il personale americano. La minaccia ha suscitato la preoccupazione tra i funzionari iracheni che un ritiro diplomatico degli Stati Uniti dal Paese possa innescare uno scontro militare tra le forze statunitensi e le milizie sostenute dall’Iran.

DOSSIER NAGORNO-KARABAKH: LA GUERRA

La violenza continua nel Nagorno-Karabakh. I funzionari azerbaigiani e armeni hanno denunciato diverse violazioni del cessate il fuoco, che è entrato in vigore sabato, anche se le principali operazioni militari tra le due ex repubbliche sovietiche sono ancora in sospeso. L’Azerbaigian ha dichiarato che sette civili sono stati uccisi e altri 33 feriti in quelli che, a suo dire, sono stati attacchi condotti dalle forze armene nel territorio conteso del Nagorno-Karabakh. Il ministero della difesa armeno ha accusato le forze azere di aver bombardato un insediamento in Armenia. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si è incontrato venerdì e sabato con i ministri degli Esteri azerbaigiani e armeni per definire i termini del cessate il fuoco, consentendo loro di recuperare i corpi e di discutere gli scambi di prigionieri. I funzionari di entrambe le parti, tuttavia, hanno accusato l’altra di essere impreparata ad accettare un accordo-compromesso, il che significa che una soluzione a lungo termine alla peggiore esplosione di violenza tra i due Stati degli ultimi anni rimarrà probabilmente solo un’ipotesi. Ma la situazione non è senza speranza. Come ha scritto Lara Setrakian, “il modo più rapido per porre fine ai combattimenti potrebbe essere un accordo russo-turco, possibilmente in cambio di interessi in Siria e Libia, dove le due potenze hanno entrambe una forte presenza”.

DOSSIER NIGERIA: IL CASO DELLA POLIZIA

Abolita la controversa unità di polizia nigeriana. Il governo nigeriano ha ceduto alle pressioni pubbliche domenica e ha sciolto una controversa unità di polizia. La Squadra speciale antirapina (Sars) è stata accusata di aver compiuto una serie di atti illegali, tra cui esecuzioni extragiudiziali, rapimenti e torture. Amnesty International sostiene che l’unità agisce nella più totale impunità. “Lo scioglimento di Sars è la risposta agli aneliti del popolo nigeriano”, ha dichiarato il capo della polizia nigeriana in una dichiarazione. Sars è stato il bersaglio di grandi proteste nei giorni scorsi, con migliaia di persone che sono scese nelle strade della capitale Lagos nel fine settimana per protestare contro la brutalità della polizia nel Paese. L’hashtag #EndSARS ha fatto il giro dei social media mentre i nigeriani condividevano le loro esperienze personali con la brutalità della polizia.

Qui trovi i fatti di politica estera della settimana scorsa

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore