skip to Main Content

Bonus elettrodomestici e bonus mobili, cosa sono e come chiederli

Bonus Elettrodomestici

Per usufruire dell’agevolazione del bonus elettrodomestici e acquisto mobili, valida sino al 31 dicembre 2021, è necessario che l’intervento di ristrutturazione edilizia sia iniziato non prima del 1° gennaio 2020 e che sia anteriore alla data in cui sono state sostenute le spese per l’acquisto dei beni detraibili

Il bonus sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica A+, introdotto per la prima volta nel 2013 e valido fino al prossimo 31 dicembre, riguarda una detrazione del 50% che può essere applicata fino a una spesa massima di 16.000 euro; mentre per gli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2020 il tetto di spesa resta di 10.000 euro.

L’incentivo è valido per l’acquisto, da parte di persone fisiche, di mobili ed elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (A per i forni), in considerazione di un’attività di ristrutturazione edilizia di un immobile o su parti comuni di edifici residenziali.

CHI È COPERTO DAL BONUS ELETTRODOMESTICI E MOBILI

Il bonus mobili ed elettrodomestici può essere ottenuto solamente dal contribuente che intende usufruire della detrazione diretta (così come anche per la cessione del credito o sconto in fattura) per interventi di recupero edilizio o ristrutturazione di un immobile. L’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile, poi, anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

Danno diritto alla detrazione una serie di interventi che indichiamo di seguito:

  • interventi di manutenzione straordinaria;
  • manutenzione ordinaria;
  • interventi di restauro;
  • interventi di risanamento conservativo;
  • interventi di ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti e interi fabbricati;
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi;
  • ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (per esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

Vige l’obbligo di tracciabilità del pagamento e, quindi, oltre al bonifico è ammessa la carta di credito o di debito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. Se il pagamento è disposto con bonifico bancario o postale, non è necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto da banche e Poste S.p.a. per le spese di ristrutturazione edilizia.

La detrazione è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate. Unica condizione è che la società erogante il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento.

Sussiste l’obbligo di invio della documentazione all’ENEA, anche per le detrazioni su elettrodomestici entro il termine di 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo.

Le comunicazioni possono essere fatte tramite il portale dedicato: Bonus casa 2021.

Gli elettrodomestici per cui è obbligatorio l’invio dei documenti sono i seguenti:

  • forni;
  • frigoriferi;
  • lavastoviglie;
  • piani cottura elettrici;
  • lavasciuga;
  • lavatrici.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore