skip to Main Content

Come e perché Matteo Renzi gongola

Renzi

Prove di terzo polo in atto: Renzi guarda a Calenda dopo il saltato accordo tra Azione e Pd

Mentre Enrico Letta fa i conti con il saltato accordo con Carlo Calenda, Matteo Renzi prende già le misure per un eventuale terzo polo.

Le parole di Renzi

“Questo è l’ennesimo capolavoro di Letta. Come sta facendo campagna elettorale per Meloni lui, nessuno”, ha affermato Renzi, aggiungendo: “È la Caporetto di Enrico”.

Richiesta di silenzio

Ma mentre se la ride, però, Renzi chiede silenzio. “Staccate Twitter per 48 ore, andate al mare”, ha detto l’ex premier ai suoi. L’obiettivo è placare le polemiche, soprattutto con Carlo Calenda, che solo poche ore prima era nel mirino delle critiche di Italia Viva.

Verso un terzo polo?

Proprio ora che Calenda è libero da vincoli Dem, infatti, Matteo Renzi potrebbe invitarlo a trattare e provare a creare un Terzo Polo, che magari riesca pure a superare i consensi del Movimento 5 Stelle.

Ma la via della pace tra Azione ed Italia Viva non è scontata e nemmeno semplice da percorrere. Non solo per i vecchi dissapori, ma soprattutto per le tappe future.

C’è chi azzarda anche che Renzi, se Calenda sarebbe disposto all’Allenza, allora potrebbe “offrire un messaggio distensivo, che pochi si aspettano: fare un passo di lato. Non è da lui, ma se davvero Calenda si mostrasse deciso a un accordo, il leader di Italia Viva sarebbe disposto a cedergli il ruolo di front runner del raggruppamento centrista”, scrive Repubblica, aggiungendo che l’ex leader avrebbe confidato ai suoi: “Non me ne importa nulla”, confida ai suoi.

Potrebbe Renzi, in nome dell’accordo per il terzo polo, anche rinunciare al cognome nel simbolo, a patto che rimanga da qualche parte il logo di Italia Viva.

Un accordo di comodo (per Calenda)?

Ma anche a Calenda, un eventuale accordo con Italia Viva farebbe comodo. Senza l’appoggio di +Europa, infatti, Azione dovrebbe raccogliere le firme in una settimana in tutti i collegi italiani.

Il partito si dice esentato, ma la questione non è semplice. “La legge ci esenta perché Azione, quando si chiamava “Siamo Europei”, ha ottenuto l’elezione di Calenda alle Europee”, hanno detto, ma la questione non è semplice.  Quel simbolo non è mai stato attestato e si configura, seriamente, il rischio che non venga riconosciuto dall’ufficio elettorale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore