Fact Checking

Coronavirus, ancora impatto forte sui consumi nel mese di aprile. I dati Confimprese-EY

consumi

L’Osservatorio permanente sull’andamento dei consumi nei settori ristorazione, abbigliamento e non food elaborato da Confimprese-EY evidenzia il forte impatto del Covid-19. Il totale mercato ha registrato un -91,3% per i negozi fisici e un +213,8 per l’online

In aprile, a causa del lockdown delle attività commerciali per l’emergenza Covid-19, il totale mercato ha registrato -91,3% per i negozi fisici e +213,8% per l’online, dato positivo ma non in grado di compensare i mancati profitti dovuti alla chiusura dei negozi.

Il settore che risulta aver sofferto di più è sicuramente l’abbigliamento (-98,8% vs aprile 2019), seguito dalla ristorazione (-84% vs 2019), che ha in minima parte compensato la perdita di fatturato con l’attività di delivery. In generale le regioni (Sicilia con -96,8%, Puglia -95%, Campania -97,9%, Calabria -95,9% vs aprile 2019) e alcune province del Sud (Catania -97%, Palermo -98,3%, Caserta -99,6%, e Bari -97,4% vs aprile 2019) hanno sofferto più del Nord Italia durante la fase di lockdown. In particolare al Sud Italia l’abbigliamento ha registrato un andamento in linea con il totale Paese (-99,7 % vs -99,4% media nazionale), il non food ha performato leggermente meglio (-85,9% vs -90% media nazionale), mentre la ristorazione è stata fortemente penalizzata (-96,8% rispetto al -87,2 % media nazionale).

ATTENZIONE AI CONTRATTI DI AFFITTO

«Da un sondaggio condotto dal Centro Studi Confimprese-EY risulta che in fase di lockdown il 90% delle imprese ha revocato, vista la mancanza di liquidità, i sepa per il pagamento anticipato dei canoni d’affitto per il trimestre aprile-giugno e ha fatto ricorso alla cassa integrazione per la quasi totalità dei dipendenti, con particolare riferimento alla rete di negozi – dichiara Mario Maiocchi, consigliere responsabile Osservatorio consumi Confimprese -. In questa situazione è inevitabile che si creino tensioni sia con le proprietà immobiliari che con la forza lavoro, il cui futuro in azienda è incerto. Urgono misure volte a sostenere il settore, con particolare riguardo alla tematica dei contratti di affitto».

L’E-COMMERCE TRIPLICA LE VENDITE

L’e-commerce guadagna posizioni e triplica le vendite. «I trend testimoniano la chiusura del business nel mese di aprile, con valori intorno a -90% per la maggior parte delle categorie e delle aree geografiche analizzate. Poche realtà, aiutate dallo spirito d’iniziativa e dalle concessioni del governo, hanno mostrato trend leggermente migliori – osserva Paolo Lobetti Bodoni, business consulting leader Italy EY -. Interessante il dato dell’e-commerce, che ad aprile ha triplicato le vendite spinto dalle necessità dei consumatori. E-commerce che giocherà sempre più un ruolo rilevante anche nella futura fase di normalizzazione, guidato da nuovi modelli di acquisto che i consumatori hanno provato in maniera crescente durante questa crisi».

TRA AEREE GEOGRAFICHE IL SUD REGISTRA IL CALO MAGGIORE NEI CONSUMI

Su base geografica il calo è stato abbastanza simile nelle 4 macro-aree. Il Sud Italia registra in particolare un -96,5%. In controtendenza l’online, che registra in aprile un +213,8%.

È evidente il deteriorarsi della situazione nel mese di aprile, a causa del lockdown delle attività commerciali per l’emergenza Covid-19, se confrontato con i dati del primo trimestre dell’anno.

CENTRI COMMERCIALI E OUTLET PERFORMANCE PEGGIORE DEL CANALE TRAVEL

I dati dei trend per canale di vendita, tutti fortemente negativi, sono coerenti con l’evoluzione delle disposizioni governative e l’atteggiamento dei consumatori. I canali centri commerciali e outlet mostrano il trend peggiore nel mese di aprile, rispettivamente con un -98% e -99%, registrando una performance addirittura peggiore del canale travel. Dati leggermente migliori per le vendite nelle zone dello shopping delle città principali (-92,1%) e per i negozi che si trovano nei comuni più piccoli e in periferia (-87,4%).

Il dato per settore merceologico vede l’abbigliamento e accessori registrare i trend peggiori (-98,8% sul mese).

 

CATANIA, PALERMO, BARI E CASERTA LE PROVINCE PIÙ COLPITE

L’analisi più dettagliata conferma il maggior impatto del lockdown nei consumi su regioni e province del Sud Italia: la Sicilia registra un -96,8%, la Puglia -95%, la Campania -97,9% e la Calabria -95,9 % rispetto all’aprile 2019. Tra le province più colpite figurano Catania (-97%), Palermo (-98,3%), Caserta (-99,6%) e Bari (-97,4%).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore