skip to Main Content

Cos’è la tromboembolia, la sospetta reazione avversa al vaccino

Tromboembolia Vaccino

Tromboembolia, trombosi venosa, embolia polmonare: cosa sono queste reazioni avverse di cui si parla a seguito della somministrazione di AstraZeneca? Non c’è dubbio che qualsiasi sospetto debba essere fugato ed esaminato, ma quali sono i dati (reali) di queste patologie indipendentemente dal vaccino?

Lo stop dell’utilizzo del vaccino AstraZeneca, in Italia e in altro Paesi europei, è del tutto precauzionale e come hanno dichiarato sia l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) che l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), al momento non è emerso alcun legame – se non temporale – tra il vaccino e le reazioni segnalate.

COS’È LA TROMBOEMBOLIA

In questi giorni si sta parlando di trombosi, tromboembolia, embolia polmonare come reazioni avverse al vaccino AstraZeneca, ma di cosa si tratta?

La trombosi è una patologia che provoca dei coaguli del sangue, che invece di continuare a essere del tutto liquido e a scorrere normalmente nel nostro sistema circolatorio, si addensa in grumi che vanno a occludere un vaso sanguigno. Se questo accade nelle vene prende il nome di trombosi venosa. Quando invece è più diffusa, il coagulo può finire nel polmone e provocare embolia polmonare.

Leggi anche: Stop ad AstraZeneca, cosa sappiamo

TROMBOSI E COVID

Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore, per il professor Anthony Harnden, vicepresidente della Joint Committee on Vaccination & Immunisation britannica, “in media ci sono 3 mila casi di coaguli di sangue nella popolazione e dato che stiamo immunizzando così tante persone è inevitabile che ci siano casi di coaguli in contemporanea ai vaccini ma non dovuti ai vaccini”.

Ma oltre a questo, il Professore ha fatto notare che “anche il Covid causa coaguli di sangue, quindi i rischi di non vaccinarsi sono di gran lunga superiori ai rischi posti dal vaccino”. Non dimentichiamo infatti, come affermato dall’Aifa, che l’eparina (un principio attivo anticoagulante), in alcuni casi, è tra i farmaci utilizzati per la terapia anti Covid.

Covid varianti Italia seconda ondata

I DATI DI TROMBOEMBOLIA IN ITALIA

Bisogna poi notare che il tromboembolismo venoso è una patologia molto comune, è infatti la terza malattia cardiovascolare più frequente. Come dichiarato da Andrea Cossarizza, professore ordinario di Patologia generale e Immunologia all’Università di Modena, ad HuffPost: “L’incidenza annua del tromboembolismo è di un caso ogni 1.000 abitanti. In Italia ci si può attendere circa 60 mila casi all’anno, 1.150 alla settimana, 166 al giorno” – indipendentemente dalla vaccinazione.

I dati di tromboembolia polmonare, in Italia, si legge nell’articolo, oscillano tra i 71 e i 117 casi su 100 mila abitanti all’anno: circa 65 mila totali. Che possano verificarsi alcuni episodi di tromboembolia in seguito all’immunizzazione quindi è probabile, ma non per questo sono correlati al vaccino.

I DATI DELLE REAZIONI AVVERSE AL VACCINO ASTRAZENECA

Al 10 marzo, secondo quanto riportato dall’Ema, sono stati segnalati in tutto il territorio europeo 30 casi di embolia polmonare su quasi 5 milioni di persone che hanno ricevuto il vaccino di AstraZeneca.

Secondo le agenzie sanitarie l’incidenza degli eventi tromboembolici nella popolazione vaccinata è la stessa della popolazione generale. Come ha sottolineato anche il presidente dell’Aifa, Giorgio Palù, “l’evidenza scientifica di un nesso causa-effetto, al momento non c’è”. L’Organizzazione mondiale della sanità, intanto, ha raccomandato ai Paesi di continuare ad utilizzare AstraZeneca.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore