Fact Checking

Cos’è la zona bianca e cosa si potrà fare?

zona bianca

L’ultimo Dpcm istituisce la zona bianca, un miraggio in cui la vita e le attività riprendono come prima del Covid-19. Come si entra in questa esclusiva zona e chi potrà riaprire?

L’ultimo Dpcm, approvato ieri notte e contenente le misure per il contrasto al Covid-19, prevede l’istituzione di una zona bianca che si va ad aggiungere alle ormai note gialle, arancioni e rosse. Il nuovo Dpcm entrerà in vigore da sabato 16 gennaio e sarà valido fino al 5 marzo. Lo stato d’emergenza è stato prorogato fino al 30 aprile 2021.

COS’È LA ZONA BIANCA

La zona bianca è il premio per quelle regioni che si collocano in uno scenario di tipo 1, ovvero con un livello di rischio basso. L’indice di contagio Rt deve essere sotto 1 e il tasso di incidenza di contagi ogni 100.000 abitanti inferiore a 50.

COSA SI PUÒ FARE NELLA ZONA BIANCA

In questa zona vengono automaticamente abolite le misure restrittive previste dal Dpcm per le aree gialle, arancioni e rosse. Le scuole, di ogni ordine e grado, tornano alle lezioni in presenza.

scuole

Le attività – tutte – possono riprendere regolarmente. Riaprono cinema, teatri, musei, sale da concerto e da ballo, centri culturali, sociali e ricreativi, ma anche palestre e piscine.

Negozi, centri commerciali compresi, possono riaprire regolarmente anche nel weekend. Basta chiusure anticipate e limitazioni per bar e ristoranti che potranno rimanere aperti ai clienti anche la sera.

Saracinesche su anche per sale giochi, sale scommesse e sale bingo. Abolito il coprifuoco dalle 22 alle 5 e nessun vincolo per gli spostamenti.

Resterà comunque obbligatorio l’uso della mascherina sempre e persisteranno il divieto di assembramento e il distanziamento.

LA NOTA DI PALAZZO CHIGI

In una nota diffusa da Palazzo Chigi si ricorda però che “nelle medesime aree possono comunque essere adottate, con Dpcm, specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico”.

LA ZONA BIANCA PER ORA RESTA UN MIRAGGIO

La brutta notizia è che, come ha sottolineato il ministro della Salute, Roberto Speranza, è molto difficile che la zona bianca “possa scattare nel breve”. Per il momento, come scrive Repubblica, la regione più vicina allo scatto in questa nuova zona è la Toscana, “unica classificata a basso rischio nell’ultimo monitoraggio dell’Iss, ma dove il tasso di incidenza è ancora tre volte superiore a quello richiesto”.

Lo scopo di introdurre la zona bianca quindi per ora è solo un segnale di speranza da parte del governo.

Leggi anche: Cos’è e cosa vuole il movimento #Ioapro?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore