Fact Checking

Il Covid-19 sta danneggiando la salute mentale dei giornalisti. I dati del sondaggio Reuters

covid-19

Un sondaggio di Reuters Institute e Università di Toronto ha analizzato l’emotività di molti giornalisti che scrivono di Covid-19. I dati mostrano evidenti segni di ansia e depressione

Un sondaggio del Reuters Institute for the Study of Journalism e dell’Università di Toronto ha posto ad alcuni giornalisti una serie di domande sulle loro condizioni di lavoro e sul loro stato emotivo nel giugno 2020. Meera Selva, direttore del programma di borse di studio per giornalisti del Reuters Institute for the Study of Journalism e Anthony Feinstein, neuropsichiatra e professore di psichiatria all’Università di Toronto, hanno svolto uno studio sulle conseguenze emotive sui giornalisti provocate dalla copertura delle notizie in merito al Covid-19. Il lavoro di Feinstein si concentra su come i giornalisti sono stati influenzati quando hanno riferito di eventi estremi, tra cui gli attacchi terroristici dell’11 settembre, la guerra in Iraq, la criminalità organizzata in Messico, l’attacco di al-Shabaab al Westgate Mall in Kenya o la crisi dei rifugiati in Europa.

I DATI

Nel sondaggio è stato intervistato un campione di 73 giornalisti e reporter di agenzie stampa internazionali, a cui nel giugno 2020 è stato chiesto di rispondere a una serie di domande sul loro lavoro, sulla loro salute mentale e sulle loro preoccupazioni. I soggetti interessati hanno quasi tutti (99%) una media di 18 anni di esperienza alle spalle, godono di buona salute e hanno tutti lavorato su storie direttamente legate alla pandemia. Il sondaggio ha avuto un tasso di risposta del 63%. La maggior parte degli intervistati, circa il 70%, soffre di un certo livello di disagio psicologico e le risposte suggeriscono che il 26% ha un’ansia clinicamente significativa, compatibile con la diagnosi di disturbo d’ansia generalizzata che include sintomi di preoccupazione, sensazione di angoscia, insonnia, scarsa concentrazione e stanchezza. Circa l’11% degli intervistati riferisce sintomi elevati di disturbo post-traumatico da stress (PTSD), che includono pensieri intrusivi ricorrenti e ricordi di un evento traumatico legato al Covid-19, il desiderio di evitare ricordi dell’evento e sentimenti di colpa, paura, rabbia, orrore e vergogna. Solo il 4% degli intervistati era composto da giornalisti sanitari specializzati, ma il 74% ha detto di riferire su questioni sanitarie legate alla pandemia. In molti Paesi i giornalisti affermano di temere di non essere in grado di svolgere correttamente il proprio lavoro, in assenza di informazioni affidabili. Uno degli intervistati ha scritto: “Sono più stressato perché non sono in grado di coprire l’epidemia nel mio Paese come hanno fatto altri Paesi occidentali. Mi sento un ipocrita perché mi è permesso seguire solo quello che mi dice il governo e non sono in grado di far luce su come il resto del Paese sta gestendo l’epidemia”. Il 100% degli intervistati ha lavorato su una storia che ha avuto un impatto diretto su di loro, il 45% conosce un giornalista che si è ammalato, 2 hanno detto di conoscere un giornalista morto a causa del virus e 1 è risultato positivo al Covid-19.

LA ROUTINE LAVORATIVA CAMBIA

Anche la routine lavorativa è cambiata: il 60% riferisce di aver lavorato più ore da quando è iniziata la pandemia. L’età media degli intervistati è di 41 anni. Il 55% di loro ha figli e il 58% del campione è costituito da donne. Un intervistato ha parlato di come la combinazione tra il lavoro da casa e la scuola a domicilio, mentre si cerca di gestire gli affari domestici, sia impossibile. Non è un caso che ci sia più ansia, sintomi di PTSD e depressione nelle giornaliste, rispetto ai giornalisti di sesso maschile.

I GIORNALI SECONDO I GIORNALISTI

Gli intervistati affermano che le loro redazioni sono state moderatamente solidali: in media danno un punteggio di 6 su 10, dove 10 indica “molto sostegno ricevuto”. Un’osservazione particolare dello studio fa notare che c’è una correlazione negativa tra la copertura della pandemia Covid-19 e l’età. I più anziani hanno in media ricevuto meno la richiesta di parlare del virus e questo potrebbe riflettere la sensibilità dei giornali nei confronti del benessere del proprio personale. Il 52% degli intervistati ha avuto accesso a una qualche forma di consulenza dallo scoppio della pandemia e i risultati mostrano che coloro che hanno ricevuto una terapia hanno meno probabilità di essere ansiosi, angosciati o di mostrare sintomi di PTSD.

QUALI SONO LE ANSIE PEGGIORI

In conclusione,  tra le ansie emerse dallo studio ci sono: affrontare la sfida di coprire una storia globale guidando un team a cui spiegare un nuovo argomento in modo accurato, responsabile e veloce; coprire i colleghi che non sono riusciti ad arrivare in ufficio a causa delle paure del coronavirus; riferire una storia in un momento in cui la fiducia nei media è in calo. Le tensioni combinate a un radicale cambiamento delle abitudini di lavoro possono aver contribuito direttamente agli elevati livelli di disagio mentale e di ansia.

I dati citati sono i risultati preliminari di un lavoro di ricerca ancora in corso che proseguirà nei prossimi mesi. Le cause di questo disagio e le possibili soluzioni saranno discusse in ulteriori analisi e successive pubblicazioni. Naturalmente le prime ricerche sull’impatto del Covid-19 sulla salute pubblica in generale indicano che anche il resto della popolazione ha sofferto e continuerà a soffrire di tassi di disagio mentale più elevati del normale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore