skip to Main Content

Green Pass e restrizioni: che succede negli altri Paesi?

Green Pass Restrizioni

Green Pass e nuove restrizioni per contrastare la variante Delta che corre in tutta Europa. Ecco come si stanno muovendo gli altri Paesi

C’è chi corre ai ripari e chi invece continua a sfidare la variante Delta ormai predominante tra i nuovi contagi. Il Green Pass divide in tutti i Paesi e si torna a parlare di restrizioni.

GERMANIA

Per entrare in Germania, non importa con quale mezzo, sopra i 12 anni è richiesto un tampone negativo tranne a chi ha terminato il ciclo vaccinale o è guarito dal virus. Il Green Pass non esiste ancora e non mancano i no-vax e i no-mask che sono scesi in piazza per protestare. All’aperto non c’è l’obbligo di indossare la mascherina, ma sui mezzi pubblici e nei locali al chiuso è obbligatorio utilizzare la Ffp2.

FRANCIA

Proteste anche in Francia contro il Green Pass che sarà presto obbligatorio per entrare nei luoghi pubblici e sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza. Per ora il certificato verde è richiesto per accedere a musei, teatri e parchi divertimento, ma dai prossimi giorni sarà indispensabile anche per bar e ristoranti.

covid variante francese varianti

SPAGNA

In Spagna non c’è obbligo invece di quarantena per chi proviene dai Paesi dell’area Schengen, tuttavia, chiunque arrivi dall’estero è sottoposto a un controllo sanitario. In alcune zone, come la Catalogna, è stato ripristinato il coprifuoco e le isole Canarie seguono regole specifiche.

madrid covid

GRECIA

Aumentano le difficoltà per chi ha in programma una vacanza in Grecia. L’Unione europea sconsiglia infatti i viaggi non necessari a causa dell’impennata dei contagi segnalati soprattutto nelle isole dell’Egeo meridionale, come Mykonos e Ios, classificate come zone in rosso scuro e a rischio lockdown. Preoccupano anche Rodi, Santorini, Zante e Paros.

coprifuoco mondo

REGNO UNITO

Nel Regno Unito cambiano le regole per l’ingresso di tutti i cittadini in arrivo dall’Unione europea (tranne la Francia) e dagli Stati Uniti. Fine della quarantena obbligatoria di 10 giorni per chi ha ricevuto e completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni con uno dei sieri approvati dall’Ema (Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson&Johnson). È comunque richiesto un tampone effettuato prima della partenza e un tampone molecolare al secondo giorno dall’arrivo.

Dal liberi tutti del 19 luglio, nonostante i contagi nel Regno Unito siano al livello più alto da gennaio, continuano a non esserci restrizioni, nemmeno per quanto riguarda il distanziamento. L’uso della mascherina è raccomandato nei luoghi chiusi e affollati. A Londra è richiesta sui mezzi pubblici.

DANIMARCA

In controtendenza anche la Danimarca, dove il Corona Pass lanciato ad aprile scorso non è più richiesto per esempio in cinema e teatri con meno di 500 spettatori, così come ai musei, mercati o alle fiere. Va esibito, invece, al bar, ristorante o in palestra.

Leggi anche: Le piazzette dei No green pass e le piazze dei Sì vax

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore