skip to Main Content

Perché l’esame del decreto rave è una prova per la maggioranza

Senato

Al Senato parte l’esame del decreto rave

Il primo provvedimento del governo Meloni, il cosiddetto decreto rave e sul reintegro dei medici no vax, ha iniziato il suo iter parlamentare che metterà alla prova la compattezza della maggioranza su due temi sensibili, il garantismo e la gestione del Covid, e che metterà alla prova anche l’efficacia dell’opposizione. Una cosa è certa: il decreto cambierà nella parte riguardante i rave, perché su questo è d’accordo l’intero centrodestra, ma quanto si allontanerà dal testo originale dipenderà dal braccio di ferro tra FI e FdI-Lega. In Commissione Giustizia del Senato la presidente e relatrice Giulia Bongiorno (Lega) ha svolto la relazione illustrativa del decreto ed ha chiesto ai gruppi di indicare i soggetti da ascoltare in audizione: è arrivato un numero elevatissimo di richieste, oltre 40, che saranno sforbiciate, ma che indica la volontà di Pd e Verdi-Si di non mollare la presa, e di FI di mettere i puntini sulle i sulla questione del garantismo nella parte riguardante i rave. È quest’ultima la parte più delicata, che lo stesso Governo ha detto che si può migliorare.

Il decreto introduce un nuovo reato che punisce con il carcere da 3 a 6 anni “l’invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici o privati, commessa da un numero di persone superiore a cinquanta, allo scopo di organizzare un raduno, quando dallo stesso può derivare un pericolo per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica”, una definizione troppo ampia che non riguarda solo i rave ma potenzialmente anche l’occupazione di scuole o facoltà da parte di studenti. Di qui la pregiudiziale di incostituzionalità presentata da Verdi-Si e l’emendamento soppressivo annunciato dal capogruppo Pd Alfredo Bazoli. Nel centrodestra c’è d’accordo sulla necessità di “tipizzare” il reato, vale a dire circoscriverlo in maniera stringente per evitare di far incappare raduni che non siano rave. FI chiede anche di abbassare le pene perché sono “sproporzionate”. Tutto il centrodestra è invece d’accordo su un terzo punto, vale a dire la confisca dei beni necessari a realizzare il raduno. Su questi sottili distinguo si giocherà l’accordo e la rottura tra FdI-Lega e FI. Altro tema sensibile è l’articolo che permette il rientro in servizio dei medici no-vax, dato che anticipa la fine dell’obbligo vaccinale per il personale sanitario dal 31 dicembre all’1° novembre. Anche qui, al netto degli emendamenti del Pd, occorrerà vedere come si porrà FI. Lunedì, dopo le parole del sottosegretario Marcello Gemmato che ha messo in dubbio l’efficacia del siero, i capigruppo Licia Ronzulli e Alessandro Cattaneo hanno chiesto che il Governo non abbia “posizioni ambigue” su tale punto.

(Estratto di un approfondimento di Nomos)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore