Fact Checking

Più che il Covid poté il lockdown. Gli psicologi: “Salute mentale appesa a un filo”

PSICOLOGI LOCKDOWN

Siamo un popolo sull’orlo di un nuovo lockdown e di una crisi di nervi, che fa incetta di farmaci; gli psicologi avvertono: «I dati dello stressometro si posizionano ai livelli del marzo scorso. È necessario agire in maniera proattiva e subito o le conseguenze saranno devastanti sul fronte della salute e dell’economia per il nostro Paese».

Città deserte. Restrizioni di ogni tipo. Socialità ridotta all’essenziale: uno scambio di battute col portiere, un saluto alla cassiera del supermercato. Vita cadenzata da orari e regole eteroimposti: lo smart working ha fatto saltare i turni di lavoro, si sa l’ora in cui si accende il computer, non si conosce l’ora in cui sarà possibile spegnerlo (e con i capi si è sempre raggiungibili, non si possono più usare scuse come “sono fuori”), il coprifuoco ha silenziato le città e la nostra voglia di uscire per un giro, una pizza o una birra in compagnia, nonostante già si senta l’aria primaverile. E nei weekend tutti a casa. Molti di noi si sono abituati a vivere così, ripetendo meccanicamente gesti e routine di una vita trascorsa in pigiama, con la barba incolta e i trucchi come nuovi nel cassetto del bagno. Ma gli psicologi lo ripetono da tempo: il lockdown nuoce alla salute mentale, così come le restrizioni imposte dalle zone cromatiche.

PSICOLOGI: CON LOCKDOWN SALUTE MENTALE APPESA A UN FILO

Lo scorso novembre, dalla propria pagina Facebook, il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi metteva in guardia: “La salute mentale dell’Italia è appesa a un filo. La pandemia ha acceso i riflettori sull’importanza della salute psicologica ma anche sulla mancanza di risposte adeguate nel nostro Paese. ORA è il momento di attivare programmi concreti per l’emergenza e per il dopo”.

Leggi anche: Vaccini, per i medici internisti l’ostacolo è la burocrazia

Il medesimo messaggio è stato espresso nuovamente alle agenzie di stampa nelle ultime ore da David Lazzari, presidente Nazionale del Cnop, Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi: «I dati dello stressometro si posizionano ai livelli del marzo scorso. Il Governo deve puntare su programmi di empowerement, promozione della resilienza. È necessario agire in maniera proattiva e subito o le conseguenze saranno devastanti sul fronte della salute e dell’economia per il nostro Paese». Una importante spia è quella sul consumo di farmaci: «Sono valori drammatici che rappresentano una lettura veritiera, basata su comportamenti reali, non opinioni personali. Sono uno spaccato di condotte che ci racconta cosa sta accadendo; che ci dice che il quadro è nero e peggiorerà».

COSA CI DICONO I DATI SUL CONSUMO DI FARMACI

«Dal consumo dei farmaci si evince il quadro del disagio psicologico degli italiani, sia in maniera diretta attraverso indicatori come gli psico- farmaci – spiega Lazzari – che indiretta attraverso sonniferi, lassativi, cosmetici». Può stupire il trend in crescita delle vendite di lassativi? «No – risponde – perché li consuma di solito chi è depresso, sedentario, sotto stress psicologico o chi, celando un’ansia nascosta, vuole dimagrire. I dati sulla vendita di farmaci e para farmaci dimostrano che questa situazione porterà ad un abuso farmacologico in adulti e adolescenti, con gli effetti indesiderati che questo comporta». Perché? «Basta guardare agli psicofarmaci: ne facciamo un uso improprio. La gente li assume in modalità fai da te. E i medici di famiglia, che non sono in grado di fare psicoterapia, li prescrivono in alternativa». E ora davanti a noi si staglia l’eventualità di un nuovo lockdown ma, come fanno notare gli psicologi, questa volta lo affronteremmo con i nervi a pezzi, già provati da 12 mesi di cattività.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore