Fact Checking

Quanti sono i vaccini anti Covid e a che punto stanno

reazioni avverse astrazeneca pfizer

Con i ritardi nella consegna dei vaccini di Pfizer e AstraZeneca in molti Paesi si riapre la corsa tra le case farmaceutiche per superare i test e chiudere nuovi contratti di fornitura. Ma quanti sono i vaccini anti Covid finora prodotti e a che punto stanno?

“Dalla prossima settimana la fornitura del vaccino da parte di Pfizer tornerà a regime”. È quanto ribadito domenica scorsa dalla casa farmaceutica statunitense, spiegando che “dall’8 al 18 gennaio sono state inviate le fiale previste dal piano di ordinazione, poi c’è stata la riduzione a causa del riadattamento del sito produttivo belga di Puurs”.

IL QUI PRO QUO SU DOSI E FIALE

Come riportano SkyTg24 e Ansa, “con la decisione di somministrare 6 dosi anziché 5, Pfizer ha ridotto il numero di fiale, ma non di dosi previste, che resta lo stesso. Quello che sta accadendo è frutto di un fraintendimento nel conteggio delle dosi che non è il conteggio delle fiale”.

Leggi anche: Vaccini, è caos siringhe: o non arrivano o sono sbagliate

Infatti, come scritto dal Corriere, i Centri vaccinali di diverse Regioni (tra cui Lombardia, Sicilia, Emilia-Romagna) hanno spiegato che: “Non mancano dosi di vaccino Pfizer, ma le siringhe di precisione che permettono di estrarne la quantità giusta non sono proporzionate alle fiale: se avessimo quelle potremmo sempre avere sei dosi per fiala e non 5, così come ha suggerito l’Aifa, e tentare di colmare il gap”.

I TEMPI E I RITARDI

Il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, ha fatto sapere che le riduzioni comunicate sia da Pfizer che da AstraZeneca “faranno slittare di circa quattro settimane i tempi previsti per la vaccinazione degli over 80 e di circa 6-8 settimane per il resto della popolazione. Tra due settimane, se tutto va bene – ha aggiunto Sileri – avremo un mercato con i tre vaccini: il che significa riprendere con maggior forza, completare la vaccinazione per i medici e gli infermieri e cominciare con gli over 80”.

I VACCINI ANTI COVID NELLA FASE 3

I tre principali vaccini anti Covid già entrati nella Fase 3 – ovvero l’ultima prima dell’eventuale approvazione da parte di autorità come l’Ema europea o la Fda statunitense – sono quelli di Pfizer/BioNTech, Moderna e Oxford/AstraZeneca.

A questi si aggiungono i vaccini cinesi Sinovac e Sinopharm – per cui la China National Biotec Group (CNBG) ha assicurato che è efficace anche contro le varianti. Nella lista anche lo statunitense Johnson & Johnson che, secondo il commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, è tra i candidati in arrivo: “Quello di Johnson & Johnson è alle porte. Speriamo arrivi presto l’approvazione dell’Ema”, ha detto ad Adnkronos.

Leggi anche: Il vaccino anti Covid tutto italiano. Intervista esclusiva a ReiThera

Le autorità europee stanno prendendo in considerazione anche il vaccino Sputnik V che, in Russia, si trova nei supermercati ed è stato somministrato all’ambasciatore italiano oltre che essere stato approvato dall’Ungheria – nonostante manchi una conferma scientifica indipendente sulla sua reale efficacia.

catena del freddo

Tutti gli altri stilati dalla piattaforma d’informazione e di consultazione sulle vaccinazioni Infovac certificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS):

Già nella Fase III (efficacia e sicurezza)

– BNT162b2 (mRNA, BioNTech RNA Pharmaceuticals e Pfizer)

– mRNA-1273 (mRNA, National Institute of Allergy and Infectious Diseases e Moderna)

– AZD1222 (ChAdOx1 nCoV-19) (vettore vaccinale, University of Oxford e Astra Zeneca)

Poiché questi tre vaccini sono già stati autorizzati in alcuni paesi, è già disponibile QUI una sintesi dei risultati provvisori delle prove di fase 3 per questi vaccini.

 

– Inactivated SARS-CoV-2 (virus inattivato, Sinovac e Butantan Institute)

– Inactivated Novel Coronavirus Pneumonia (COVID-19) vaccine (virus inattivato,  Hennan Provincial Center for Disease Control and Prevention e Sinopharm)

– BBIBP-CorV (virus inattivato, Beijing Institute of Biological Products Co., LTD e Laboratorio Elea Phoenix S.A.)

– Ad26.COV2.S (vettore vaccinale, Janssen Vaccines & Prevention (Johnson & Johnson))

– Ad5-nCoV (vettore vaccinale, CanSino Biologics)

– Gam-COVID-Vac (vettore vaccinale, Gamaleya Research Institute of Epidemiology and Microbiology, Health Ministry of the Russian Federation)

– Inactivated Novel Coronavirus Pneumonia (COVID-19) vaccine (Vero cells) (virus inattivato, Wuhan Provincial Center for Disease Control and Prevention)

– NVX-CoV2373 (proteine ricombinanti, Novavax)

– CoVLP (proteine ricombinanti, Medicago)

– BBV152 – COVAXIN (virus inattivato, Bharat Biotech International Ltd)

– Recombinant new coronavirus vaccine (CHO cell) (proteine ricombinanti, Anhui Zhifei Longcom Biologic Pharmacy Co., Ltd.)

– CVnCoV Vaccine (mRNA, Curevac)

– AG0302-COVID19 (DNA, AnGes Inc., Japan Agency for Medical Research and Development)

– Inactivated SARS-CoV-2 Vaccine (virus inattivato, Chinese Academy of Medical Sciences)

– SCB-2019 (proteine ricombinanti, Clover Biopharmaceuticals Australia)

– nCov Vaccine (DNA, Cadila Healthcare Ltd)

– QazCovid-in (virus inattivato, Research Institute for Biological Safety Problems)

– UB-612 (proteine ricombinanti, United Biomedical, COVAXX)

 

Già nella Fase II o I/II

– INO-4800 (DNA, Inovio Pharmaceuticals)

– KBP-201 (proteine ricombinanti, Kentucky BioProcessing Inc.)

– LV-SMENP-DC (cellule ricombinanti, Shenzhen Geno-Immune Medical Institute)

– Covid-19/aAPC (cellule ricombinanti, Shenzhen Geno-Immune Medical Institute)

– GX-19 (DNA, Genexine Inc.)

– COVAC1 (LNP-nCoVsaRNA) (mRNA, Imperial College London)

– EpiVacCorona (proteine ricombinanti, Federal Budgetary Research Institution State Research Center of Virology and Biotechnology “Vector”)

– Sanofi-GSK (proteine ricombinanti, Sanofi Pasteur & Glaxo Smith Kline)

– rVSV-SARS-CoV-2-S (vettore vaccinale, Israel Institute for Biological Research)

– ARCT-021 (mRNA, Arcturus Therapeutics, Inc.)

– RBD SARS-CoV-2 HBsAg VLP Vaccine (proteine ricombinanti, Serum Institute of India Pvt Ltd)

– BECT062 (proteine ricombinanti, Biological E.Limited)

– AdCLD-CoV19 (vettore vaccinale, Cellid Co., Ltd)

– GLS-5310 (DNA, GeneOne Life Science, Inc)

– VLA2001 (virus inattivato, Valneva Austria GmbH)

– MVC-COV1901 (proteine ricombinanti, Medigen Vaccine Biologics Corp.)

– AV-COVID-19 (cellule dendritiche portatrici di antigeni del SARS-CoV-2, Aivita Biomedical)

– TAK-919 (inconnu, Takeda)

– Nanocovax (proteine ricombinanti, Nanogen)

– COVAC-2 (proteine ricombinanti, University of Saskatchewan)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore