Fact Checking

Recovery Fund, torna la fiducia nell’Ue tra gli italiani. Report Swg

Ue italiani

Le istituzioni Ue recuperano fiducia tra i cittadini italiani, dopo la caduta registrata in aprile. L’ultimo sondaggio Swg

La voglia di normalità è sempre più forte. Gli italiani intervistati da Swg hanno meno paura del coronavirus in vista della fase 3, iniziata il 3 giugno.

Torna anche la fiducia nell’Unione europea. Dopo la pessima figura che secondo gli italiani le istituzioni Ue hanno fatto nella prima parte dell’emergenza, ora sembra che abbiano in parte recuperato credito nel nostro Paese.

PREOCCUPAZIONE PER IL VIRUS AI MINIMI

Il virus fa paura a sempre meno persone e per la prima volta da settimane cala il senso di incertezza. Anche se ancora quasi un italiano su 2 ritiene probabile essere contagiato.

Dal momento che situazione si sta stabilizzando in un quadro economico ed occupazionale molto difficile,  cala leggermente l’incertezza (57%), ma la rabbia raggiunge i livelli massimi dall’inizio del monitoraggio (21%).

Solo un intervistato su 10 ritiene che l’economia si riprenderà velocemente. Ma è diminuita la percentuale di italiani che ritiene che nelle ultime 2 settimane la situazione economica sia peggiorata (dal 64% al 51%).

Rimane comunque alto il timore occupazionale: quasi metà degli intervistati ritiene probabili licenziamenti,

RITROVATA NORMALITÀ CON LE RIAPERTURE

Nelle ultime due settimana è aumentata la propensione ad andare in un ristorante all’aperto (dal 55% al 68%), seguito dal parrucchiere o centro estetico (dal 53% al 61%), cinema o teatro all’aperto (dal 42% al 49%) e in un centro commerciale (dal 40% al 48%).

IL RECUPERO DELL’IMMAGINE DELLE ISTITUZIONI UE

Le istituzioni europee recuperano fiducia tra i cittadini italiani, dopo la caduta registrata in aprile.

Questo ha permesso agli indicatori di gradimento dell’Ue, della Bce e della Commissione guidata da Ursula Von der Leyen di risalire (rispettivamente al 39%, 35% e 32%) quasi a livello pre-Covid (42%, 41% e 43%), dopo il tonfo subito a fine marzo (27%, 24% e 25%).

Il piano del Recovery Fund presentato dalla commissione europea è stato accolto positivamente, non soltanto dagli elettori della maggioranza (93% elettori del Pd e 87% del M5S), ma anche da quelli dell’opposizione (71% elettori FdI e 51% elettori Lega).

Tuttavia potrebbe trattarsi soltanto di una tregua, dato che il piano dovrà essere ancora discusso e approvato e su questa prospettiva gli ottimisti sono in minoranza: soltanto il 6% crede che possa passare nella forma originale e il 36% con un ridimensionamento limitato dei benefici per l’Italia.

LE INTENZIONI DI VOTO

La Lega guidata da Matteo Salvini mantiene saldo il primo posto nelle intenzioni di voto degli italiani. Il Carroccio ottiene il 27% dei consensi, in aumento rispetto alle dichiarazioni di voto del 26 maggio (26,9 %) anche se in calo rispetto al voto alle europee del 2019 (34,3%).

Cedono leggermente i Dem e il partito guidato da Giorgia Meloni. Il Pd cala del 0,7% fermandosi al 19,5 rispetto al 20,2% e Fratelli d’Italia scivola al 13,9% rispetto al precedente 14,5%. Salgono invece il M5s, al 16% contro il 15,7% precedente (17,1% alle europee) e Italia Viva (al 3% dal 2,7%) . Forza Italia flette leggermente al 6% rispetto al 6,3% della scorsa settimana.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore