Fact Checking

Spid al posto della password. Cosa cambia da oggi sui siti PA

Spid

Per il momento esclusi professionisti e imprese, ma i contribuenti privati da oggi iniziano a dire addio alle credenziali Fisconline per fare posto a Spid, Cie e Cns e accedere ai servizi digitali della PA. Le novità

Addio pin e password per accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione (PA). Da oggi l’Agenzia delle Entrate, infatti, non rilascia più nuove credenziali Fisconline e quelle attive verranno dismesse alla naturale scadenza o comunque non oltre il 30 settembre 2021.

Da oggi è quindi possibile entrare nei servizi dell’Agenzia delle Entrate tramite Spid, Carta d’identità elettronica (Cie) o Carta nazionale dei servizi (Cns), mentre dal 1° ottobre 2021 sarà l’unico modo.

PROFESSIONISTI E IMPRESE

I professionisti e le imprese che possiedono delle credenziali Entratel, Fisconline e Sister, rilasciate dall’Agenzia delle Entrate – a differenze dei contribuenti privati – potranno continuare a utilizzarle anche dopo il 1° marzo e fino alla data che sarà stabilita con un apposito decreto attuativo, come previsto dal Codice dell’amministrazione digitale.

COME RICHIEDERE LO SPID

Per richiedere lo Spid ci si può rivolgere a uno dei 9 gestori di identità digitale presenti sul sito ufficiale https://www.spid.gov.it/richiedi-spid. Per ottenerlo bisogna essere maggiorenni e fornire all’identity provider prescelto un indirizzo e-mail, il numero del cellulare, un documento di identità valido (patente, carta d’identità o passaporto) e la tessera sanitaria con il codice fiscale. Lo Spid è gratuito sia alle Poste che presso uno degli identity provider privati attivi come Aruba, Infocert, Intesa, Namirial, Register, Sielte, Tim o Lepida.

Leggi anche: Come va la digitalizzazione dei Comuni italiani

Lo Spid inoltre – ricorda l’Agenzia per l’Italia Digitale (Agid) – permette dal 10 settembre 2019 l’accesso ai servizi on line anche per il rilascio di certificati di pubbliche amministrazioni in Europa.

CIE E CNS

Per entrare nei siti della PA è possibile utilizzare anche la nuova Carta di identità elettronica (Cie) che viene rilasciata dal Comune di residenza. È importante però assicurarsi di avere a disposizione il codice Pin completo della carta e, se così non fosse, richiederlo al proprio Comune.

Terza e ultima chiave di accesso è la Carta nazionale dei servizi (Cns) che permette di accedere agli stessi servizi attraverso una chiavetta Usb o una smart card dotata di microchip.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore